Mauro Del Bue

L'editoriale
5

Che cosa ci fa diversi dal Pd

Per anni si è insistito a sottolineare che la diversità socialista dal Pd fosse costituita dalla mancata appartenenza a pieno titolo dello stesso Pd al socialismo europeo. Quasi che non esistesse alcuna specificità italiana e che, una volta deciso un legame più stretto tra Pes, Is e Pd, fossero azzerate tutte le distanze. Non la penso così. La vera differenza è invece rappresentata dalla distanza che tuttora esiste tra Pd e socialismo italiano, il nostro socialismo riformista e liberale…

L'editoriale
1

I tre Porcell…ini

La divisione sulla riforma della legge elettorale è netta. Il Pd vorrebbe procedere subito ad una legge che abroghi il Porcellum e ripristini il Mattarellum, il Pdl invece propende per un ritocco del Porcellum. In mezzo i montiani, che aspettano di capire come va il modo prima di esprimersi. Non sanno se aderire al popolarismo europeo o al gruppo liberaldemocratico, non sanno, in Italia, se rientrare nel centro-destra, se mantenersi autonomi o, ipotesi più problematica, se collocarsi nel…

L'editoriale
8

La via nuova

Si può praticare un’autosufficienza, per quanto orgogliosa, in un sistema politico come quello italiano e…

L'editoriale
1

Taglia e cuci nello stipendio dei 5 Stelle

Sono andati alla carica sullo stipendio dei parlamentari cavalcando la tigre partorita dai giornali e dalle televisioni di sinistra e di destra. Parlavano del Parlamento italiano come del più costoso d’Europa e i giornali pubblicavano tabelle che non prevedevano per gli altri ciò che includevano per noi, che scambiavano per i nostri il lordo col netto, al quale sommavano anche strani rimborsi inesistenti, come quelli sulla casa e sul vestiario. Così i Cinque stelle, in una sorta di giuramento…

L'editoriale
0

Io lo conoscevo non bene

Sono stato deputato dal 1987 al 1994. Poi, ancora dal 2006 al 2008. Non ho potuto evitare di imbattermi in Giulio Andreotti che fu infatti presidente del Consiglio dal 1989 al 1992. Dopo De Mita e prima di Amato. Così come lo era stato in due opposte soluzioni politiche, quella del centro-destra coi liberali, dal 1971 al 1973 e quella dell’unità nazionale col Pci, dal 1976 al 1979. Andreotti, che cominciò a insediarsi al governo già con De Gasperi nell’immediato dopoguerra, venne dipinto da…

L'editoriale
8

Bobo poco Amato?

Ci sentiamo spesso ricordare come il tempo sia galantuomo. È vero. Molti giudizi sono stati spazzati via. Pensiamo a quello su Craxi e sui socialisti. Alla luce di tutto quel che è avvenuto in questa disgraziata seconda Repubblica, dal suo fallimento politico, al peggioramento della condizione di vita degli italiani, alla corruzione individuale diffusa, è evidente che le litanie del passato restino solo un tenue, anche se doloroso ricordo. Eppure anche il recente episodio della mancata nomina…

L'editoriale
4

La vendetta

Filippo Ceccarelli ha scritto un corsivo che Repubblica ha relegato alle pagine interne sulla vendetta…