Blog

Paco Cianci

Chinaski e il pettirosso

Su un bieco tavolo di legno, sotto questo grezzo ombrellone.
Dura poco la mia birra ghiacciata.
Leggo Chinaski. Ogni pomeriggio qui, sotto un rovente sole.
Poi come sempre arriva lui,
poco più grande di un pettirosso.
Poggiandosi sullo schienale della sedia di fronte
comincia a cantare una strana canzone,
fissandomi.
Non c’è nessuno per chilometri.
Il ghiaccio dove riscaldo le birre timidamente si ritrae
fin quando mi tocca bere caldo.
Stiamo alcuni minuti in

Marco Di Lello

Dagli al leghista!

Dagli al leghista! In queste settimane va particolarmente di moda sparare sul leghista e mai mi sarei aspettato un giorno di doverne prendere le difese ma l’approvazione in Senato della norma, voluta dalla Lega, che impone il parere delle Regioni nell’accettare i rifiuti provenienti dalla Campania ha offerto un alibi a De Magistris e Caldoro per nascondere i clamorosi ritardi nella realizzazione di un moderno ciclo industriale dei rifiuti. Sindaco e Governatore attaccano la Lega per nascondere

Gigi Del Rio

Mostri metropolitani #1

Avevo dodici anni quando il preside della mia scuola media mi chiamò da parte per farmi il classico cazziatone da prete: “Ti ho sentito dire che odi Marco Masini. Sai, l’odio non è un sentimento cristiano, sarebbe meglio dire che non ti piace!”. Grazie per la dritta, preside! adesso ho un buon motivo per coltivare l’odio in modo metodico. Perché l’odio non è semplice fastidio, non è semplice antipatia. “Chi odia” – mi insegnano – “sente che è giusto, al di là di leggi e imperativi morali…

Riccardo Nencini

Lettera aperta sull’articolo 18

Ho scritto una lettera aperta indirizzata ai leader sindacali, al premier Monti e al ministro Fornero. Per dire una cosa molto semplice: per affrontare la riforma del lavoro la priorità, prima e più della questione relativa all’articolo 18, è rappresentata dal riconoscimento delle garanzie e delle tutele la cui mancanza ha fino ad oggi determinato la frattura tra un lavoro a tempo indeterminato tutelato e ed un lavoro atipico senza protezione.

Mauro Del Bue

Marco Biagi: chi lo ricorda come martire e chi non l’ha dimenticato come riformista

Dieci anni dopo il suo barbaro assassinio ad opera delle Bierre, in tanti hanno voluto ricordare Marco Biagi. C’è chi lo ha fatto, e sinceramente, per celebrare la vittima del terrorismo rosso, e chi invece lo ha fatto anche per ricordare il suo messaggio politico. Noi socialisti riformisti lo dobbiamo celebrare come vittima di un assurdo atto di sangue, ma anche come autore di un progetto di riforma del mercato del lavoro che avrebbe dovuto collocare l’Italia al passo dell’Europa. E’ evidente..

Paco Cianci

Bevo nitroglicerina

Dio solo sa quanti giovani bevono a rotta di collo ogni week end se non addirittura molti giorni della settimana. E Dio sa pure che tra questi balordi ci sono pure io! La ricerca dello ”sballo” è sempre dietro l’angolo. E’ divenuto oramai un must, un’esigenza quotidiana a cui veramente la maggior parte dei giovani non sa rinunciare. Da giovane anch’io ho fumato, ma ringraziando il cielo sono esperienze che mi son lasciato alle spalle, ed ora limito i miei vizi al semplice drinkare, diciamo…

Corsivo

Oggi la democrazia passa per via Valdonica e si chiama Marco Biagi

Quella sera io c’ero in via Valdonica a Bologna. Era da poco successo: per strada solo uomini delle forze dell’ordine, pochi colleghi e due strisce di plastica che delineavano l’aerea per evitare che curiosi, cameraman e fotografi potessero inquinare quelle prove di un omicidio che aveva già un timbro ben chiaro. Non vi era un gran bisogno di aspettare rivendicazioni da parte delle Br. Non vi era bisogno di volantini o telefonate ai giornali per riportare il Paese in quella spirale stragista…