Esteri

Esteri
Di

“L’orchidea d’acciaio” della Birmania in Parlamento. Suu Kyi: «Inizia una nuova era»

«E’ l’inizio di una nuova era». Sono state le prime parole della leader birmana Aung San Suu Kyi che ieri ha festeggiato con i suoi sostenitori scesi in piazza la storica vittoria alle elezioni. «Non e’ tanto il nostro trionfo – ha aggiunto – ma quello di coloro che hanno deciso di partecipare al processo politico del Paese». Per la prima volta Aung San Suu Kyi, la leader del dissenso in Myanmar (ex Birmania), ha ottenuto un posto nel parlamento del Paese asiatico governato da circa mezzo…

Esteri
Di

Modelle con velo e tacco 12, è la rivista turca per le musulmane moderne

Una nuova immagine di donna musulmana sta emergendo in Turchia: porta l’hijab, il velo che copre la testa, ma indossa abiti firmati, ha braccia coperte ma tacchi alti perché, come spiega Ibrahim Burak Birer, «il Corano non vieta il tacco 12». Birer, 31 anni, è uno dei fondatori di “Ala”, la rivista di moda che pubblica ogni settimana servizi fotografici su questa emergente tipologia di donna. Una piccola rivoluzione dal basso che, visto il rigido clima che vige da sempre, sta spopolando nel…

Approfondimento
Di

Lagrimas y sangre

Inutile, inefficace, ingiusta. Le famigerate tre I, a volte ritornano e sui governi di destra lo fanno con un cinico effetto boomerang. Sotto lo slogan delle tre I, si riuniscono i partiti di sinistra, con ritrovato vigore il maggiore partito il PSOE ma soprattutto i sindacati spagnoli, che definiscono con le tre i e l’aggettivo brutal la “Reforma Laboral”, la riforma del lavoro varata dal governo conservatore guidato dal leader del Partido Popular Mariano Rajoy. Quarantasei feriti e..

Esteri
Di

Il metadone? In Malesia te lo danno in moschea

Preghiere e metadone: per la prima volta al mondo una moschea offre un programma di riabilitazione per tossicodipendenti. Accade nella moschea di Ar-Rahman, alla periferia di Kuala Lumpur, la capitale della Malesia, che pure è uno Stato rigidamente islamico e punisce i trafficanti di droga con la pena di morte. Ogni lunedì e giovedì persone con problemi di tossicodipendenza da eroina entrano nel luogo sacro, restano per qualche tempo al suo interno a recitare le preghiere, poi salgono le scale..

Esteri
Di

In Spagna è sciopero generale, sindacati e socialisti contro Rajoy

Dopo il Portogallo, paralizzato la scorsa settimana. Oggi tocca alla Spagna. La Spagna che il 20 novembre scorso si è (af)fidata al governo conservatore del PP prepara una giornata di protesta e paralisi in occasione della “huelga general” (sciopero generale) contro la “reforma laboral” riforma del mercato del lavoro e l’austerity, imposte a inizio 2012 dal governo del premier Mariano Rajoy. Un governo, quello di Rajoy, che ha già messo in agenda per venerdì, la presentazione del bilancio…

Esteri
Di

A Cuba il Papa chiede cambiamenti, ma vince la censura

Per la seconda volta nella storia un Papa dialoga con il regime castrista, ma dietro la Cuba festante che ha accolto Benedetto XVI in questi ultimi tre giorni ci sono state tensioni, repressione e arresto di dissidenti. Una strisciante censura che significa anche cellulari di giornalisti e presunti dissidenti oscurati durante i giorni di permanenza del Papa. L’attesissimo e storico incontro tra Joseph Ratzinger e il leader maximo Fidel Castro si è svolto ieri nella nunziatura apostolica…

Esteri
Di

Colpo di Stato dei colonnelli in Mali, “Tutta colpa della ribellione tuareg”

Colpo di Stato in Mali, Paese dell’Africa occidentale finora considerato una delle democrazie più solide del continente. Truppe di militari ribelli sono apparsi alla tv statale annunciando di aver preso il potere per «l’incapacità del governo del presidente Amadou Toumani Touré di contrastare efficacemente la ribellione dei tuareg nel nord». È in corso un coprifuoco in tutto il Paese e i diritti costituzionali sono stati sospesi. Secondo alcune fonti ci sarebbero già decine di morti causate…

Esteri
Di

Non ci sono due sconfitte senza tre

Non c’è due senza tre. Un buon motto certo, se non fosse riferito alle sconfitte. Il terzo appuntamento elettorale del PostZapatero in Spagna si appresta a trasformarsi in una nuova pesante mazzata in termini di consensi per il PSOE del nuovo segretario Rubalcaba. Domenica 25 marzo è il turno delle elezioni regionali in Andalusia storico bastione socialista da sempre e nel principato delle Asturie, regione quella delle Asturie che torna al voto dopo solo sei mesi di governo a guida autonomico…

Esteri
Di

In Messico la terra trema, il sisma ha causato 11 feriti e 1600 case crollate

Almeno 11 persone sono rimaste ferite nel violento terremoto di magnitudo 7.4 che ha colpito questa notte il Messico. Lo riferisce il ministro dell’Interno messicano Alejandro Poire, secondo cui sono 1.600 le case crollate a Igualapa, nello Stato di Guerrero dove e’ stato rilevato l’epicentro e più precisamente25 kma est della città di Ometepec, a una profondità di18 km. Il sisma si è esteso lungo un’area che va dalla capitale Città del Messico ad Acapulco, città costiera più a sud.

Esteri
Di

Strage antisemita di Tolosa. Pacifici: “Vogliono annientarci”

Erano ferme davanti all’ingresso della scuola media ebraica “Collège et Lycée Ozar Hatorah” le quattro vittime, tre bambini e un adulto, uccise questa mattina in un folle atto terroristico. L’aggressore, giunto a bordo di uno scooter e coperto da un casco di colore nero, ha aperto il fuoco in modo indiscriminato sul gruppo di persone in attesa dell’apertura dell’istituto. Le vittime sono una bambina di 10 anni, un professore di religione, il rabbino Yonatan Sandler (30 anni)…