Moda, Costume e Satira

Moda, Costume e Satira
Di

Rigorosamente Armani

Non è poi così vero che la moda non rispecchi i tempi, anzi ultimamente più che precorrerli ne è la cartina tornasole. Nella fase che mai avremmo pensato di dover nuovamente affrontare, tra acuti di spread e precipizi di borse, Giorgio Armani, che ha chiuso il 2011 con una crescita economica a doppia cifra, ritrova il senso del rigore mettendo insieme romanticismo e comodità. Un’estasi estetica costruita sulle giacche che danno una nuova forma alla figura umana, enfatizzando i punti forti…

Moda, Costume e Satira
Di

Il glamour fluorescente di Versace

Come al solito, Donatella Versace ama andare controcorrente. Mentre molti stilisti puntano sulle semplici sfumature, lei fa piazza pulita di tutto e, con l’audacia rock ‘n’ roll di sempre, si butta su una moda decisa e grintosa, eccessiva e passionale, che riabilita i fianchi stretti e le spalle importanti. Destinata a chi? «A un uomo ironico e sexy, che non ama prendersi sul serio», ci dice la stilista. La scansione dei suoi abiti è un caleidoscopio fluorescente di pelliccia di castoro, pitone, cashmere, ermellino, cincillà, fiori sulle uniformi diversamente militari.

Moda, Costume e Satira
Di

Les fleurs du Gucci

Il flâneur proposto da Frida Giannini per la collezione autunno/inverno 2012-13 di Gucci vaga per le vie cittadine decantando le liriche dello stile più alto. Un bohèmien che predilige i pantaloni a sigaretta di lana stampata, e le giacche avvitate. Un dandy innamorato del cavallino tagliato al laser, che crea effetti vellutati su giacche e cappotti da sera. Un ricco esteta che coltiva l’idea del bello sulla propria persona. Possiede così, a suo piacere immenso, il gusto sfrenato della…

Moda, Costume e Satira
Di

Il senso di Miuccia Prada per il potere

L’uomo è un alto funzionario di Stato che marcia a passo spedito su seicento metri quadri di tappeto rosso e nero, sotto una pioggia di gelidi neon. In tempi austeri di vecchio stile tiepido e cortese, nessuno più di Miuccia Prada, signora milanese dal fascino discreto e dall’intuito pioniere, sarebbe riuscito a mettere in scena la parodia del potere maschile nel palazzo. Lo fa con consueta ipervisione attraverso il canale che l’ha resa celebre nel mondo: la Moda. Una sfilata sobria e…

Moda, Costume e Satira
Di

La sartorialità barocca di Dolce&Gabbana

Il giovin signore si muove in una perfetta sincronia di barocco e sartoriale, davanti a uno specchio poggiato a terra e a un lampadario di cristallo parzialmente coperto da un telo bianco, sulle arie celebri di Giuseppe Verdi intonate dal maestro Pavarotti. Una visione sorprendente, come un baule pieno di ricordi, e una nostalgica evocazione che sprona a ri-prendere il passato per proiettarlo nel futuro. Simboli dell’antica devozione classica e segni di una consapevole revisione stilistica…

1 8 9 10