giovedì, 26 Novembre, 2020

Come vedo la scuola italiana

2

La scuola italiana, vista dai miei occhi, ha due facce. Vedo una scuola preparata, competente e con ottimi docenti, pronti a trasmetterti non solo una buona cultura, ma anche la conoscenza di nuove culture, il rispetto, la responsabilità civica e a passarti un po’ dell’esperienza maestra di vita. Vedo un’attrezzatura nuova come lavagne digitali, registri informatici e blog studenteschi pronti a chiedere i loro diritti e dove discutere la lezione. Eppure non posso non vedere in che stato giace un’altra scuola italiana: banchi rotti, vernice scrostata, rubinetti arrugginiti, addirittura strutture non perfettamente funzionanti o in regola. Docenti arroganti, pedanti e superbi, ciechi verso i reali problemi dello studente, che non è un automa, bensì un essere umano. Studenti che hanno problemi ben più gravi dell’ignoranza o della poca voglia, ma della totale mancanza di affetti da parte dei parenti, una vita in un contesto di malavita o forme di forte depressione e stress. Queste realtà convivono nel suo insieme, ma non convivono nello stesso luogo. Infatti nella scuola privata e paritaria c’è una maggiore qualità, sia materiale che culturale, dei docenti e dei materiali. Si fanno gite programmate per l apprendimento, si chiamano professionisti per approfondimenti e analisi di situazioni cose o temi, sia attuali che passati. Ci sono attività ultrascolastiche, doposcuola, oratori, teatro, laboratori linguistici e altre attività. Non possiamo più intendere la scuola come fabbrica o tirannia di servi e padroni, dove non esiste nulla se non un legame di passaggio delle informazioni, da persona a persona.

La scuola dovrebbe essere un luogo di formazione, non di riempimento, non di costruzione o di inculcamento, dove il professore non è un assolutista, ma il primo fra gli eguali. Dovrebbe essere un centro sociale exstrascolastico, ovvero un’associazione con attività interne, sia di natura culturale che sportiva dove nascono e ardono ideologie, dove l’individuo si forma e arriva al suo migliore stato preparatorio, dove entrerà nella società in parte compiuto e attivo politicamente. La scuola per me è accademia collegiale, scuola di ragione, centro di amici ed espressione della propria personalità, sia classica o scientifica, sia di destra che di sinistra, sia artistica che materialistica. Questo è un grande progetto che consiglierei fortemente a qualunque stato, poiché la rivoluzione di un sistema parte proprio da un’idea, anche utopistica. Direte voi che un’utopia rimarrà tale e che credere ai sogni sia dannoso, eppure caro compagno lettore, o lettore che tu sia il mondo che ci circonda ha avuto utopie viventi. La rivoluzione francese dove il popolo si muoveva uniformemente verso un unico obbiettivo, impensabile tutt’ora, il comunismo, nonostante i suoi errori esiste ed è esistito, il cristianesimo, irrazionale per gli antichi pagani si mostra oggi come principale religione mondiale, la società anarchica, presente in società tribali e ecclesiastiche. Le utopie sociali anche non avverandosi completamente possono migliorarci e migliorare tutta la nostra società internazionale.

Niccolò Musumeci 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply