giovedì, 28 Maggio, 2020

COme VIte Distanti, il fumetto italiano per lo Spallanzani

0

A meno di due settimane dal lancio, il libro a fumetti COme VIte Distanti ha prodotto, solo dalle prenotazioni online, 10mila euro che sono già stati donati all’ospedale Spallanzani di Roma.
In un momento in cui quasi tutta l’Italia è ferma, i migliori fumettisti italiani si sono mobilitati da casa per sostenere la raccolta fondi dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, raccontando un’unica, grande storia.

Ideatore e dell’iniziativa è Arf! il Festival del Fumetto di Roma che seguirà tutto il progetto, curandone il coordinamento editoriale, la comunicazione, la stampa del volume e il flusso delle donazioni. Mentre la PressUP, partner dell’iniziativa, stamperà il libro a titolo gratuito.

COme VIte Distanti, che sta prendendo vita sul sito e sui canali social di ARF! Festival con la pubblicazione di una tavola al giorno, per diventare a fine maggio un libro cartonato, è già preordinabile on-line alla pagina www.arfestival.it/covid. Ovviamente, l’intero ricavato sarò donato all’ospedale Spallanzani.

Il mondo del fumetto ha risposto in massa all’iniziativa: Gipi, Stefano Caselli, Giorgio Pontrelli, Gigi Cavenago, Eleonora Antonioni, Bruno Cannucciari, Giuseppe Palumbo, Francesco Guarnaccia, Stefano Simeone, Lorenza Di Sepio, Martoz, Giacomo Bevilacqua, Emiliano Mammucari, Zerocalcare, Sio, Sara Pichelli, Francesco Artibani, Katja Centomo, Laura Scarpa, Werther Dell’Edera, Rita Petruccioli, Ratigher, LRNZ, Fumettibrutti, Mirka Andolfo, Davide Toffolo, Manuele Fior, Zuzu, Maicol & Mirko, Matteo Scalera, Mario Alberti e Silvio Camboni. Ma l’elenco continua ad aumentare giorno dopo giorno.

L’organizzazione di Arf! il Festival del Fumetto di Roma, a causa dell’emergenza Coronavirus, ha anche annunciato la sospensione in data da destinarsi della sesta edizione programmata per il prossimo maggio.

Redazione Avanti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply