mercoledì, 30 Settembre, 2020

Conte e la follia di una vaccinazione a richiesta

0

Devo dire che non solo condivido pienamente la posizione di Italia viva, ma invito tutti i socialisti a sostenerla in ogni modo. Parlo della obbligatorietà della vaccinazione anti Covid. Il presidente del Consiglio Conte, forse per tenersi buona l’area dei no vax, ha sostenuto che il vaccino, una volta scoperto quello vero ed efficace, sarà facoltativo. Che pazzia e che controsenso é mai questo? Cioè una volta che la comunità scientifica avrà certificato l’esistenza di una terapia definitiva sul coronavirus, la più grande epidemia globale dell’ultimo secolo, l’Italia lo somministrerà solo ai volontari?  E se questi ultimi fossero una minoranza il virus potrà continuare a circolare indisturbato non avendo generato quel che si chiama “immunità di gregge”.. Non c’era un’epidemia di vaiolo quando alla fine degli anni cinquanta si impose a tutti gli italiani di vaccinarsi. E la polio era una malattia non epidemica quando i bambini italiani dovettero ingurgitare la zolletta di zucchero col siero Sabin. Oggi invece, a fronte di oltre 4milioni di casi al mondo, di oltre mezzo milione di morti, con l’Italia che secondo i dati Istat avrebbe generato un’infezione a un milione e mezzo di persone, secondo il presidente del Consiglio dovremmo lasciare libertà di scelta. Attenzione su questo. Insisto su un concetto su cui dovremmo tutti convenire. Lasciamo perdere i giudizi su questo o quel vaccino. E restiamo al tema della libertà, che é sempre relativo. Non può esistere una libertà assoluta. Ad esempio può esistere per un laico la libertà di disporre a piacimento della propria vita, non di mettere in discussione quella degli altri. La libertà di curarsi é sancita dalla Costituzione, non la libertà di ammalarsi facendo ammalare gli altri. Siamo di fronte al famoso duetto sulla libertà che finisce sul mio naso, perché non esiste la libertà di darmi un pugno sul naso, come asseriva nel suo racconto Oliver Wender Holmes. Sconsiglio dunque chiunque a parlare di libertà di vaccinazione. Io sono libero di decidere della mia vita, non di quella degli altri. E dalla mia libertà non può nascere la tua condanna. Mai.

 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Mauro Del Bue

Leave A Reply