mercoledì, 24 Febbraio, 2021
Direttore Responsabile Mauro Del Bue

Dal derby ai sei cambi, settimana da incubo per la Roma

0

Non bastasse l’umiliazione subìta dalla Lazio venerdì scorso, i giallorossi sono stati eliminati dalla Coppa Italia perdendo 4-2 ai supplementari contro le riserve dello Spezia. Oltre al danno, la beffa: il tecnico Fonseca ha fatto 6 sostituzioni (una in più delle 5 consentite), arriverà formalmente la sconfitta a tavolino. Dopo il caso-Diawara, una nuova figuraccia per il club capitolino

Non è iniziato sicuramente nel migliore dei modi il 2021 della Roma. La squadra di Paulo Fonseca, nel giro di pochi giorni, è riuscita nell’impresa di perdere tutto: derby, coppa Italia e soprattutto credibilità. Venerdì 15 gennaio, nell’anticipo della 18/a giornata, la Lazio ha dominato la stracittadina umiliando i giallorossi per 3-0 (Immobile e doppietta di Luis Alberto). Un brusco stop per Dzeko e compagni, autori fin qui comunque di un campionato molto positivo, ma mai entrati in campo in quella che è la partita più importante dell’anno. L’occasione per riscattare la serata da incubo si è presentata martedì 19, sempre all’Olimpico: Roma-Spezia, ottavi di finale di Coppa Italia. Nonostante il fattore campo, l’enorme divario tecnico e una formazione ligure imbottita di riserve, il club capitolino è stato eliminato dopo il sorprendente 4-2 ai supplementari per gli ospiti. Ma non è tutto perché al peggio non c’è mai fine. Tra i 90’ regolamentari e l’extra-time, Fonseca ha fatto entrare dalla panchina 6 giocatori. Avete letto bene: sei sostituzioni. Il regolamento ne prevede cinque, da utilizzare in tre slot (quattro in caso appunto di supplementari). Nessuno tuttavia nella panchina giallorossa si è accorta del grossolano e clamoroso errore e così, indipendentemente da come sarebbe finita, la Roma avrebbe comunque perso a tavolino. Una figura imbarazzante a livello nazionale e non solo. E’ bastata infatti una manciata di secondi per far scatenare lo spietato mondo dei social, che ha ironizzato sulla gaffe della squadra del presidente Friedkin. Evidentemente l’ancora fresco proprietario americano dovrà ripensare allo staff dirigenziale perché, a inizio campionato, ci fu un episodio simile: in Hellas Verona-Roma (terminata 0-0 sul campo), i giallorossi schierarono il centrocampista Diawara, non inserito tuttavia nella lista. Anche in quel caso fu inevitabile la sconfitta per 3-0 a tavolino. Se tutto questo faccia ridere o piangere, giudicatelo voi…

Francesco Carci

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply