mercoledì, 30 Settembre, 2020

DECRETO AGOSTO

0

E’ composta di 91 articoli la bozza del Dl Agosto allo studio del governo e che dovrebbe essere varato entro la settimana. Lavoro, scuola, enti locali, fisco e rilancio dell’economia sono alcuni dei temi principali. Nel pomeriggio il testo dovrebbe andare al vaglio del preconsiglio. Nel lungo elenco di misure anche le norme per il sostegno alla domanda e l’ipotesi di un nuovo contributo a fondo perduto per le attività. economiche nei centri storici. Confermato lo stanziamento di 500 milioni per l’automotive verde. Questa mattina vertice a Palazzo Chigi con Conte tra governo e maggioranza.

 

In particolare – riferisce l’agenzia Agi – dovrebbe essere contenuta una norma che prEvede lo stop della riscossione delle cartelle esattoriali fino al 15 ottobre. Attualmente la sospensione della riscossione coattiva è prevista fino al 15 agosto.

 

Imposte
Stop alla seconda rata dell’Imu per le strutture ricettive, dagli alberghi ai campeggi e b&b, gli stabilimenti balneari (ma anche su laghi e fiumi). Lo prevede la bozza del decreto agosto che estende la misura anche alle fiere e a cinema e teatri, a patto che i proprietari siano anche i gestori delle attività. Per cinema e teatri lo stop sarà esteso anche all’imposta dovuta per il 2021 e il 2022. Sempre in tema di imposte la bozza prevede anche la “proroga dell’esonero Tosap e Cosap”. Le due imposte vengono sospese, in base alla bozza, fino al ’31 dicembre 2020′, non più fino al ’31 ottobre 2020′. Dovrebbe essere contenuta anche una norma che prEvede lo stop della riscossione delle cartelle esattoriali fino al 15 ottobre. Attualmente la sospensione della riscossione coattiva è prevista fino al 15 agosto.

 

Fondi alla sanità
Per quanto riguarda la sanità, sono previsti altri 482 milioni di fondi per gli straordinari per recuperare “prestazioni ambulatoriali, screening e di ricovero ospedaliero non erogate nel periodo dell’emergenza”. L’obiettivo è smaltire le liste di attesa per le attività rimandate a causa del Covid.

 

Blocco licenziamenti
Sul Dl Agosto sono intervenuti questa mattina anche i sindacati con un monito preciso al governo: “Se il Governo non prorogasse il blocco dei licenziamenti sino alla fine del 2020, si assumerebbe tutta la responsabilità del rischio di uno scontro sociale”. Così i segretari segretari di Cgil Cisl e Uil Maurizio Landini, Annamaria Furlan, Pierpaolo Bombardieri che sottolineano di avere già indetto un’iniziativa per il 18 settembre: “che possa essere trasformata in uno sciopero generale dipenderà solo dalle scelte del Governo e della Confindustria”.

 

Nella bozza si legge che i licenziamenti sono bloccati sì fino alla fine dell’anno, ma solo per chi sta utilizzando ammortizzatori. “Le preclusioni e le sospensioni” dei licenziamenti “non si applicano, a partire dal 15 ottobre 2020, ai datori di lavoro che non hanno in corso sospensioni o riduzioni dell’orario di lavoro connesso all’utilizzo di ammortizzatori sociali per far fronte all’emergenza da Covid 19”. Tra le eccezioni, oltre a cessazioni e fallimenti, anche gli accordi sindacali per gli esodi volontari.

 

Moratoria mutui Pmi
Arriva la proroga della moratoria sui mutui delle micro, piccole e medie imprese colpite dall’emergenza coronavirus. La bozza prevede che la scadenza del 30 settembre 2020, inizialmente prevista dal decreto Cura Italia, slitti al 31 gennaio 2021.

Indennità stagionali turismo e marittimi
“Ai lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1°gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di Naspi, alla data di entrata in vigore della presente disposizione, è riconosciuta un’indennità per ciascuno dei mesi di giugno (e luglio) 2020 pari a 600 euro”.Indennità di 600 euro anche per i marittimi.

 

Alitalia
Nella bozza si modificano anche le norme per Alitalia, introdotte a marzo con il decreto Cura Italia. La newco per la compagnia di bandiera sarà costituita con 10 milioni di capitale sociale e “ai soli fini dell’elaborazione del piano industriale”, che andrà redatto in 30 giorni e inviato a Bruxelles per il via libera e alle competenti commissioni parlamentari.. Se ci sarà il via libera Ue sarà modificato l’atto costitutivo della società e il capitale (lo stanziamento complessivo è di 3 miliardi), ma “in assenza della favorevole valutazione della Commissione europea sul piano la società è posta in liquidazione”.

 

Trasporto pubblico
La dotazione del fondo per il sostegno al Trasporto pubblico locale ”è incrementata di 400 milioni di euro per l’anno 2020”.

 

Ponti e viadotti
Un fondo al Mit di 600 milioni di euro, per il triennio 2021-2023, “per la messa in sicurezza dei ponti e viadotti esistenti e la realizzazione di nuovi ponti in sostituzione di quelli esistenti con problemi strutturali di sicurezza”. Il Fondo sarà dotato di 200 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2021 al 2023.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply