sabato, 27 Febbraio, 2021
Direttore Responsabile Mauro Del Bue

Del Turco, Nencini scrive alla Presidente Casellati

0

La mia lettera alla Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati.

Signora presidente,
Mi rivolgo a lei perché valuti, con la sua sensibilità e la sua competenza giuridica, dall’alto dello scranno che occupa, la condizione in cui versa Ottaviano Del Turco.
Del Turco è profondamente malato. Ha un cancro che lo devasta, il Parkinson e l’Alzheimer lo hanno da tempo privato di una vita dignitosa. Vive affacciato sul baratro, non riconosce nemmeno i suoi familiari.
La privazione del vitalizio, alla luce della sua condizione, complica le possibilità di curarlo come si deve, come dovrebbe spettare a qualsiasi persona che giace in un letto senza speranza. Un diritto per quanto gli resta da vivere.
Non giudico le sentenze. Tuttavia, da una valanga di accuse, tutte gravissime, è rimasto in piedi un solo capo d’imputazione. Presso la Cassazione pende la richiesta di revisione del processo. Dubito che Del Turco potrà conoscerne l’esito.
Quel che serve è un atto di pietà. Immediato, generoso, efficace. Un gesto di civiltà, umana e giuridica. Che ripristini lo stato di diritto, che invochi normalità anche per chi ha fatto la sua scelta di vita dedicandosi interamente al sindacato e alla politica.
Signora Presidente, conosco la sua sensibilità, conosco e apprezzo le sue radici culturali e politiche, conosco l’autonomia di cui va fiera nel governo del Senato della Repubblica. Lei ha il potere di rovesciare un’ingiustizia in un atto di umanità.
Con i miei saluti più cari.

Riccardo Nencini

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply