domenica, 8 Dicembre, 2019

Doppio mandato e debolezza a 5 stelle

0

Ultimamente si ripropone la questione circa i vincoli sul doppio mandato elettorale riprendo un dibattito su un argomento più volte oggetto di discussione. In questi ultimi giorni dibattito viene riaperto dei 5 Stelle, probabilmente per la pressione mediatica che si è formata a seguito dell’ accordo con il PD. Sappiamo tutti come è nato l’elettorato 5 stelle sulla base di un voto di pancia che tendeva a cambiare le sorti del sistema politico italiano. L’accordo col PD ha di fatto stravolto questa idea, generando dubbi e confusione circa il mandato elettorale dei rappresentanti del partito 5 Stelle. La base del partito, chiaramente scossa Dalla scelta della segreteria di aderire ad un governo di natura di centro-sinistra, sento il dovere di discutere i confini del mandato dei rappresentanti a cinque stelle. questa riproduzione di fatto permette ai singoli rappresentanti di poter giostrare liberamente ed autonomamente il proprio mandato a prescindere dal mandato ricevuto dalla base del partito. La mancanza di leadership nonché la confusione ingenerata dall’adesione al governo Conte bis snatura la rappresentatività del movimento. vado al punto di vista legale è normale che un movimento politico possa imporre dei limiti ho mandato elettorale previsto dalla nostra costituzione? a questa domanda lasciamo la risposta ai tecnici esperti in materia di diritto costituzionale, già fin troppe volte messa in discussione in passato, ma dal punto di vista etico e morale effettivamente un problema si pone. Il potere di rappresentanza politica è data dalla base elettorali finché rimanga nei limiti dell’espressione delle proposte di programma. Ma se tali proposte vengono di fatto letteralmente stravolte da un’ideologia completamente contraria a quella originaria, effettivamente nasce il dubbio se tale rappresentatività costituisce una fonte incrollabile di potere. L’ultima parola e lasciata al lettorato che alle prossime votazioni sarà chiamato ad esprimersi se continuare a lasciare la fiducia al movimento o dirottarsi direttamente sui maggiori partito di governo italiano. il problema di fondo è che il MoVimento 5 Stelle spesso rivede le regole alla base della fondazione del partito, il proprio volto è stato messo seriamente in discussione merito a credibilità e coerenza. effettivamente la base del partito è stata fin troppe volte sballottata nelle decisioni dei leader del partito. Ma se si guarda al diritto costituzionale probabilmente si capisce come le regole poste alla base del movimento siano effettivamente in contrasto con la materia costituzionale. Nell’attesa delle sentenze dei giudici costituzionali, nell’attesa dei prossimi riscontri elettorali, è giusto che il movimento inizi a decidere di quale sorte perire, perché è del tutto evidente che nel tempo tali sballottamenti possono causare delle rotture drastiche. La politica deve riacquistare fiducia sulla base di coerenza e credibilità, senza questi valori effettivamente il popolo italiano continuerà a soffrire ancora una mancanza le autorità e soprattutto una forma di debolezza istituzionale nociva e pericolosa.

Isidoro Tricarico

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply