domenica, 28 Febbraio, 2021
Direttore Responsabile Mauro Del Bue

È sempre il dio denaro protagonista di ogni cosa

0

Che il mondo fosse volubile lo sapevamo, ma lo pensavamo per la moda, per i costumi, per le vacanze al mare piuttosto che in montagna e perfino per gli argomenti più ludici…o drammatici che fossero; mai avremmo pensato si potesse relegare la pandemia ad un ruolo di secondo piano. Una pandemia sostituita in un baleno dai media con la politica. Anzi, peggio, è stata data voce ai politici perché del Covid ne venisse fatta un’ “arma” per colpire l’avversario.
I morti, le persone in rianimazione e anche solo ricoverate in ospedale, e perfino confinate a casa per la quarantena, si sono rivelate la lama affilata per infilzare ora l’uno, ora l’altro politico duellante. E noi italiani incollati davanti alla televisione a guardare, guardare senza capire che per i politici è solo una questione di soldi: tutti vorrebbero far parte della squadra dei cassieri che conterà le risorse economiche che dovrebbero, il condizionale è d’obbligo se andiamo avanti così, arrivare con il Recovery Fund!
Pensate, addirittura all’incidente successo ad Oslo, dove decine di persone sono morte dopo essere state vaccinate, a cui abbiamo riservato a malapena i titoli di coda. L’agenzia del farmaco norvegese ha registrato 23 morti sospette, tra anziani e fragili, associate alla vaccinazione anti Covid. La stessa agenzia, inoltre, ha pubblicato un rapporto sugli effetti avversi al vaccino, che in questo momento viene somministrato proprio agli ospiti delle residenze per anziani e alle persone con più patologie. Una notizia che solo qualche giorno fa avrebbe infiammato l’informazione e attirato la nostra attenzione, al punto che ci saremmo mangiati nervosamente le unghie collegati 24 ore su 24 per ascoltare i notiziari.
Probabilmente sarà la stanchezza, la tensione che ancora ci attanaglia lo stomaco, causata dalla paura del Coronavirus, ad allontanarci da quelle notizie che ci hanno cambiato la vita, e magari i media, accortisi di questa stanchezza, si sono gettati sulla crisi di governo perché anche loro, come noi, sono provati da tanto dolore. Lo voglio ricordare, oltre ottantamila i morti fino ad oggi e con la terza ondata supereremo i centomila! Crisi di governo, elezioni, rimpasto e Conte ter che dir si voglia, comunque vada è un gran pasticcio, pasticcio perché non c’è italiano che non abbia capito la differenza tra contagiarsi da Covid da ricco o da povero. Per questo soprattutto i politici si vogliono gettare, costi quel che costi, su quella montagna di danari che arriveranno dall’Europa. Via via che scrivevo questo articolo, mi sono ricollegato con la realtà e ho capito che, pandemia o crisi di governo che sia, i soldi sono gli unici, veri, protagonisti di ogni cosa.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Angelo Santoro

Leave A Reply