sabato, 23 Marzo, 2019

Flop italiano in Libia. L’intesa è guidata dalla Francia

0

Il presidente libico Fayez al-Serraj e il leader della Cirenaica Khalifa Haftar si sono incontrati oggi ad Abu Dhabi, con la mediazione dell’inviato Onu in Libia Ghassan Salamè, libanese ma parigino di adozione, che sta cercando in tutti i modi di chiudere il dossier libico dopo che ci hanno provato senza successo i suoi due predecessori Bernardino Leon e Martin Kobler. L’incontro sembra si sia tenuto proprio grazie ai numerosi sforzi di Salamè, l’unico insieme alla Francia, a riuscire a smuovere ‘l’uomo forte della Cirenaica’. Haftar infatti nei giorni scorsi aveva fatto uscire su siti di informazioni libici la notizia secondo cui “il generale non è interessato a incontrare Serraj, perché lui non è in grado di esercitare un vero potere a Tripoli”.
Ora da quanto dichiarato dal Professore dell’Onu i due hanno raggiunto un accordo per indire elezioni generali in Libia e preservare l’unità del Paese. Anche se sono ormai anni che viene dichiarata una distensione dei rapporti, già l’anno scorso al summit di Parigi del 29 maggio il presidente Emmanuel Macron riuscì persino a strappare una data ai recalcitranti Fayez Sarraj e Khalifa Haftar: elezioni nazionali entro il 10 dicembre 2018.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply