lunedì, 14 Ottobre, 2019

Fosse il male di Giuseppi…

0

E vabbé, passeremo da Giuseppe a Giuseppi, con tanto di benedizione trumpiana (che meraviglia), ma sta roba di sottoporre l’accordo di governo alla benedizione della piattaforma Rousseau é quanto di più perverso istituzionalmente si possa immaginare. Le maggioranze si formano in Parlamento e il presidente della Repubblica ha il potere di affidare l’incarico di presidente del Consiglio e su proposta di quest’ultimo di nominare i ministri. Costoro, i Cinque stelle, intendono invece preventivamente sottoporre il tutto all’approvazione del loro popolo informatico, popolo misterioso a cui si sottomettono. Dunque stasera il presidente della Repubblica dovrebbe dare l’incarico a Conte con la riserva dei Cinque stelle che chiederanno il voto alla loro piattaforma. Costoro infatti confessano con la loro scelta di non rappresentare l’elettorato ma una fetta di associati alla Casaleggio da cui dipendono. Quasi quasi varrebbe allora la pena che Mattarella si rivolgesse direttamente alla piattaforma Rousseau e non ai dirigenti grillini che non hanno alcun potere decisionale. Ma il Pd non ha ancora capito che sul primo dei cinque punti di Zingaretti, e cioé il riconoscimento della democrazia rappresentativa costoro non ci sentono? Lo ritengo un grave danno istituzionale. Una ennesima ferita alla Costituzione e alla democrazia.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Mauro Del Bue

Leave A Reply