martedì, 22 Ottobre, 2019

Galeotta fu la foto di Renzi regalata da Giorgetti a Salvini

0

La smania di imitare le gesta di Renzi che, con il referendum personalizzato del 4 dicembre 2016 da lui trasformato in “O con me, o morte!”, voleva, anche lui, pieni poteri, ha scatenato in Salvini la voglia pazza di superare quel traguardo dove l’uomo di Rignano, subito prima dell’arrivo, era stramazzato a terra. Stramazzato a terra come il capitano affondato in vista delle coste della libertà per iniziare quella nuova vita che lui ha sempre impedito ai migranti.

Così, come per Renzi, anche per Salvini finirà tutto. Come da premonizione finale del film di Monicelli “I soliti ignoti”, a calciare un sasso allo stesso modo del pugile suonato Er pantera (alias Gassman), con le mani in tasca e il bavero della giacca sgualcita a gridare “m’hanno lasciato solo, ‘sti infami!”.

La cosa che francamente irrita, in questa similitudine comportamentale dei due Matteo, è che entrambi hanno tradito gli impoveriti del Paese che in loro avevano investito tutto, nella speranza di un riscatto da quella vita che crisi, banche, tecnocrazia e burocrazia, rigore europeo e “inciuci” politicisti hanno rovinato.

Analoga anche la partita fatta giocare al Paese tra italiani e migranti di cui, francamente, non importava nulla a nessuno. Però, un bel giorno si è scoperto che la pellaccia dei migranti potesse essere utile da strumentalizzare a fini elettorali e così ci si sono fiondati sopra. Poco importa se dietro ci fossero morti in mare, forme di schiavitù moderna e nuove barbarie. Renzi, in accordo con l’Europa ne aveva fatti sbarcare a volontà, delegando a Minniti i vergognosi accordi libici, e Salvini neanche uno, o quasi. Comunque, una cosa ad oggi è certa, tutti e due i Matteo, nella fretta di conquistare la pentolaccia della cuccagna elettorale, sono scivolati rovinosamente a terra.

Galeotta fu la foto di Renzi regalata da Giorgetti a Salvini!

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply