domenica, 5 Luglio, 2020

Genova
Un modello di sviluppo per la Liguria

0

Nel corso di un incontro avvenuto fra i rappresentanti di Alleanza Civica di Liguria, Azione, Demos, Energie per l’Italia, +Europa, Italia Viva, Partito Socialista Italiano, Centro democratico, Italia in Comune in considerazione dello stato in cui versa la Regione Liguria, è stato discusso un modello di sviluppo e di modernizzazione della Liguria in forte discontinuità con quello attuale.

1. Shock infrastrutturale per far tornare la Liguria al centro delle connessioni in Italia e in Europa, renderla protagonista della macroregione del Nord Ovest .

2. Crescita  e sviluppo sostenibile, per contrastare le diseguaglianze, attraendo investimenti interni ed esteri, favorendo l’internazionalizzazione delle nostre imprese, la robotizzazione dell’industria, l’aggregazione tra imprese

3.  Sanità. L’amministrazione di centro destra ha demolito la sanità in Liguria. E’ necessario ricostruire un modello di sanità pubblica capace di rispondere alle esigenze delle persone sia dal punto di vista delle strutture ospedaliere che dei servizi territoriali.

4. Cura del territorio: sostenibilità ambientale come linea guida nelle trasformazioni territoriali, recupero dell’identità dei luoghi, cura dell’entroterra contro lo spopolamento e la salvaguardia degli insediamenti interni: connessioni fisiche e virtuali come strumento per battere l’isolamento e l’abbandono.

5. Adesione all’Agenda 2030 come strumento per un nuovo modello di sviluppo.

Per far ciò la candidatura alla presidenza deve conoscere il territorio, elaborare un credibile programma di potenziamento infrastrutturale con la realizzazione di grandi opere, esprimere pragmaticità e capacità di relazionarsi con realtà internazionali, al fine di rafforzare l’immagine e l’economia della regione Liguria.
I Civici Liguri, i partiti liberaldemocratici e riformisti attivano un dialogo sui temi principali in vista delle elezioni regionali.

 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply