martedì, 24 Novembre, 2020

Giro d’Italia. Jai Hindley maglia rosa per un pugno di centesimi

0

Dopo venti giorni di corsa Jai Hindley e Tao Geoghegan Hart, neppure cinquant’anni in due, per percorrere tremiladuecentotredici chilometri e quattrocento metri ci hanno messo lo stesso tempo: 85 ore 22 minuti 7 secondi.
In realtà tra di loro ci sono anche 86 centesimi di differenza. Centesimi, una frazione di tempo che l’uomo ha imparato a misurare nello sport nel 1924, a Chamonix, su una pista da bob.
Per 86 centesimi stasera Jai Hindley indossa gongolante la sua prima maglia rosa su Tao Geoghegan Hart, che oggi ha vinto la tappa di Sestriere in uno sprint a due proprio con l’australiano.
Mai nella storia di una grande corsa a tappe è accaduto che due corridori condividessero lo stesso tempo alla vigilia dell’ultima tappa, una cronometro di 15 chilometri e 700 metri in programma domani, a Milano.
Che i due corridori fossero tra i più in forma del momento lo avevamo già visto l’altro ieri sullo Stelvio, quando hanno staccato tutti trascinati dall’ottimo compagno di squadra di Geoghegan Hart, l’altro australiano Rohan Dennis.
Anche oggi il copione si è ripetuto, nella ventesima tappa da Alba a Sestriere, tremila cinquecento metri di dislivello con tre passaggi da Sestriere, arrivo compreso.
Nel corso della seconda delle tre ascese previste verso Sestriere Rohan Dennis si è messo a pedalare come un forsennato e solo Geoghegan Hart e Hindley sono riusciti a tenerne il passo.
Gli altri si sono barcamenati come potevano, compresa la maglia rosa Wilco Kelderman, da stasera sceso al terzo posto in classifica generale.
Nibali è rimasto indietro quando mancavano quattro chilometri all’arrivo, Pozzovivo molto prima anche per colpa di un guasto meccanico. Almeida è stato il più bravo tra gli sconfitti, riuscendo all’arrivo a limitare i danni, perdendo solo un minuto.
Mentre Rohan Dennis costringeva il terzetto di testa a salire ad un gran ritmo, Jai Hindley covava comprensibili propositi di attacco, per provare a scrollarsi di dosso i due corridori della Ineos Grenadiers.
In effetti a circa tre chilometri e mezzo dall’arrivo il ventiquattrenne di Perth ha provato ad andarsene da solo ma non c’è riuscito.
Dopo circa un chilometro è andato in scena lo stesso inutile tentativo di allungo, ripetuto ancora dopo altri cinquecento metri e per l’ennesima ed ultima volta non lontano dallo striscione degli ultimi mille metri.
Niente da fare, tutte le volte Geoghegan Hart è riuscito a mettersi a ruota.
Per lunghi tratti i due sono saliti spalla a spalla, cercando l’uno nella faccia dell’altro segnali di vulnerabilità e di fatica, una goccia di sudore in più o una smorfia in cui intravedere una possibilità di lasciare indietro l’avversario.
Quando finalmente è arrivato il momento della volata e i due atleti si sono alzati sui pedali, la vittoria di Geoghegan Hart non è mai sembrata in discussione, nessun evidente segnale di rimonta da parte di Hindley che però, almeno fino a domani, vestirà la maglia rosa del primato.
“Fin da piccolo sognavo la Maglia Rosa. E’un onore enorme”, ha dichiarato emozionato Hindley.
Riuscirà anche a vincere il Giro d’Italia? Oppure domani sera sarà l’inglese dal cognome gaelico a salire sul gradino più alto del podio?
Insomma, Jai Hindley o Tao Geoghegan Hart?
Il tic tac del cronometro sarà il giudice implacabile che pronuncerà il verdetto dopo aver accompagnato i due ragazzi lungo quei quindici chilometri e settecento metri che separano Cernusco sul Naviglio da Piazza Duomo a Milano.
In Lombardia oggi si sono registrati quasi cinquemila nuovi contagi da coronavirus ed il Prefetto Renato Saccone, come è giusto che sia, ha chiesto ai milanesi di guardare il Giro in Tv e restare in casa.
Parole sagge.

 

ORDINE DI ARRIVO
1 – Tao GEOGHEGAN HART in 4 ore, 52 minuti e 45 secondi
2 – Jai HINDELY st
3 – Rohan DENNIS a 25 secondi
4 – Joao ALMEIDA a 1 minuto e 1 secondo
5 – Andrea VENDRAME a 1 minuto e 34 secondi

 

NUOVA CLASSIFICA GENERALE
1 – Jai HINDLEY in 85 ore 22 minuti e 7 secondi
2 – Tao GEOGHEGAN HART st
3 – Wilco KELDERMAN a 1 minuto e 32 secondi
4 – Pello BILBAO a 2 minuti e 51 secondi
5 – Joao ALMEIDA a 3 minuti e 14 secondi

 

 

Prima tappa
Seconda tappa
Terza tappa
Quarta tappa
Quinta tappa
Sesta tappa
Settima tappa
Ottava tappa
Nona tappa
Decima tappa
Undicesima tappa
Docidesima tappa
Tredicesima tappa
Quattordicesima tappa

Quindicesima tappa

Sedicesima tappa

Diciassettesima tappa

Diciottesima tappa

Diciannovesima tappa

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply