sabato, 31 Ottobre, 2020

Il rimpiattino

4

Dal Senato alla Camera. Mia nonna, prima di farmi un’iniezione, tastava le natiche e si chiedeva in dialetto reggiano “La fomia chè o la fomia lè (la facciamo qui o li’)?”. Era la stessa cosa, l’importante era che me la facesse senza farmi male. Siamo ancora a chiederci la stessa cosa. Fatela alla Camera o al Senato purché si faccia questa benedetta legge elettorale e che il Paese in preda ai forconi ne abbia un beneficio. Certo, in realtà, cominciare a stenderla alla Camera o al Senato ha un significato apparentemente diverso. Alla Camera esiste una netta prevalenza della sinistra, al Senato non si può fare a meno del Nuovo centro destra.

Per questo Alfano si è irritato e minaccia una crisi di governo a gennaio se il testo non verrà preliminarmente concordato dai partiti che compongono l’attuale maggioranza e poi sottoposta agli altri. E questa pare al momento anche la posizione della delegazione al governo del Pd, per quel che conta dopo l’avvento di Renzi al vertice del partito. Su un’ipotesi di lavoro si potrebbe trovare subito un accordo. Ed è l’idea avanzata dallo stesso Renzi di riprendere la legge per l’elezione dei sindaci. Questa rimanda però a una riforma costituzionale, e cioè all’elezione del presidente del Consiglio direttamente dal popolo.

Senza questa novità la legge non sarebbe affatto bipolare come raccomanda lo stesso Renzi. Anzi, la legge per l’elezione dei sindaci è quanto di più proporzionale possa esistere, per di più abbinata al sistema delle preferenze. Come uscire dall’impasse appare difficile prevederlo. Per adesso una cosa, dopo la sentenza della Corte costituzionale, appare chiara. Chi vuole le elezioni a primavera è disposto a varare una nuova legge in tempi brevi senza giocare a rimpiattino o al gioco della nonna, chi non le vuole inizierà un percorso complicato assai e farà l’iniezione solo dopo aver tastato molto a lungo. Ci vuole poco a capire l’identità dei protagonisti di questa nuova commedia all’italiana.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply