lunedì, 1 Marzo, 2021
Direttore Responsabile Mauro Del Bue

Roma, il Teatro Vascello si illumina per protesta

0

«Proteggere e liberare le città dai danni provocati da un’epidemia significa innanzitutto conoscere se stessi, prima che un’intera comunità si ammali di tristezza non riuscendo più a immaginare un futuro». E proprio dalle parole scritte da Sofocle per il suo immortale Edipo trae ispirazione “Facciamo luce sul teatro!”, l’iniziativa di U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) rivolta a tutti i teatri italiani, alla quale ha aderito anche il Vascello di Roma.
Così la sera di lunedì 22 febbraio, dalle 19:30 alle 21:30, il Teatro Vascello resterà simbolicamente illuminato e aspetta il suo pubblico: per l’occasione, e in via del tutto eccezionale, Gabriele Lavia che dall’interno del foyer reciterà alcune poesie al pubblico presente all’esterno teatro, pubblico che, ovviamente, è invitato ad aderire sempre nel rispetto delle disposizioni previste per il contenimento dell’epidemia da Coronavirus.
Un gesto di protesta che porta in sé tutta la sofferenza per la chiusura dei teatri e per l’isolamento forzato, in questo anno di pandemia, a cui tutti gli artisti sono stati costretti.
«Il 6 marzo 2020 – scrive la dirigenza del Vascello in un comunicato – abbiamo dovuto sospendere il primo di una lunga serie di spettacoli, per un periodo che sembrava poter essere breve, in ottemperanza al primo provvedimento governativo che imponeva la chiusura immediata dei teatri per contenere l’emergenza sanitaria. A un anno di distanza, dunque, accogliamo la chiamata di U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) rivolta a tutti i teatri italiani: “Torniamo per una sera ad incontrare quella parte essenziale e indispensabile di ogni spettacolo senza la quale il teatro semplicemente non è: il pubblico”».

Il Teatro Vascello ha colto l’occasione anche per lanciare un appello a eventuali sostenitori che possono fare una donazione di qualsiasi cifra alla Coop. La Fabbrica dell’Attore (onlus) mediante bonifico bancario Iban IT89V0306905078100000003842 indicando: donatore del Vascello. Chi effettua erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura, come previsto dalla legge, potrà godere di importanti benefici fiscali sotto forma di credito di imposta. Dopo aver effettuato il bonifico, quindi, bisogna richiedere al teatro il documento valido ai fini fiscali.

 

Redazione Avanti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply