venerdì, 4 Dicembre, 2020

«In Vaticano corruzione e lobby gay». Un sito cileno pubblica indiscrezioni su dichiarazioni di Papa Francesco

0

Lobbygay-Vaticano

Secondo quanto riportato dalla testata cilena “Reflexion y Liberacion” il Papa ha ammesso la presenza di «una corrente di corruzione» all’interno della Curia romana» e l’influenza di una «lobby gay», aggiungendo che è necessario «vedere cosa fare a riguardo». L’occasione in cui Papa Francesco avrebbe pronunciato queste parole è stato l’incontro, che si è tenuto giovedì scorso, con i rappresentanti della Clar, la Confederazione di religiosi dell’America latina e dei Caraibi. Una notizia che, qualora dovesse essere confermata, andrebbe a rafforzare le indiscrezioni dei mesi scorsi su Vatileaks – lo scandalo sulla sistematica fuga di documenti vaticani riservati, riguardanti i rapporti all’interno e all’esterno della Santa Sede – e sul quadro di corruzione che avrebbe spinto Benedetto XVI a consegnare le sue dimissioni lo scorso 28 febbraio.

L’INDISCREZIONE DEL SITO CILENO – Secondo quanto riportato dal sito cileno, Papa Francesco, interrogato sull’intenzione di riformare la Chiesa, ha risposto: «Eh sì, è difficile. Nella curia c’è gente santa, santa davvero. Ma esiste anche una corrente di corruzione, anche questa esiste, è vero. Si parla di una lobby gay ed è vero, è lì… Ora bisogna vedere cosa possiamo fare al riguardo». E ancora: «Non posso essere io a fare la riforma, queste sono questioni di gestione e io sono molto disorganizzato, non sono mai stato bravo per questo».

LA REAZIONE DEL UFFICIO STAMPA DEL VATICANO – Sulla vicenda non è giunta nessuna smentita  o conferma dalla sala stampa del Vaticano: Padre Lombardi ha solo reso noto che si è trattato di un «incontro di natura privata e che dunque non c’è nulla da commentare».

IL CONSIGLIO LATINOAMERICANO: SOLO SENSO GENERALE – La presidenza del Consiglio della Clar ha invece diffuso un comunicato nel quale viene lamentata, in modo profondo, «la pubblicazione di un testo con riferimento alla conversazione mantenuta con il Santo Padre Francesco». Dai vertici della Congregazione non è giunta una smentita su quanto riportato dal sito della testata cilena, ma è stato solo ricordato che «la conversazione che si è sviluppata a partire da domande poste al Papa dai presenti». «In questa circostanza – ha precisato la nota – non è stata fatta nessuna registrazione della conversazione, ma poco dopo è stata elaborata una sintesi della medesima in base ai ricordi dei partecipanti».

Silvia Sequi 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply