domenica, 19 Maggio, 2019

In Venezuela arrestato il vice di Guaidò, Zambrano

0

Il vice di Juan Guaidò, Edgar Zambrano, è stato arrestato in modo rocambolesco. Il leader dell’opposizione, Juan Guaidò, autoproclamatosi presidente ad interim del Venezuela, ha denunciato: “Il Servizio bolivariano di intelligence (Sebin) ha ‘sequestrato’ il vicepresidente dell’Assemblea nazionale (An). Allertiamo il popolo del Venezuela e la comunità internazionale che il regime ha sequestrato Edgar Zambrano”.
Secondo il deputato Oscar Rondero, dirigente del partito Acción Democrática, movimento che si oppone a Maduro, all’arrivo della polizia, Zambrano si è rifiutato di scendere dalla sua auto e gli agenti del Sebin, allora, hanno utilizzato un autogru per portalo via verso il carcere di El Helicoide. Zambrano è uno dei sette deputati a cui l’Assemblea nazionale costituente (Anc) ha revocato due giorni fa l’immunità parlamentare per aver partecipato al tentativo di sollevamento militare del 30 aprile.
Guaidò ha commentato: “Sono arrivati ​​all’assurdità di portarlo via con una gru mentre era a bordo del suo veicolo, violando tutti i processi ed esibendo l’autoritarismo a cui obbediscono. Maduro ha intenzione di disintegrare il potere che rappresenta tutti i venezuelani, ma non ci riusciranno”.
Dal Dipartimento di Stato statunitense è arrivato un avvertimento: “Ci saranno conseguenze se il vicepresidente dell’Assemblea Nazionale Zambrano non verrà liberato. L’arresto è arbitrario, illegale, inaccettabile”.
Guaidò ha scritto: “Con queste azioni, l’usurpazione pretende di colpire l’unica istituzione democratica legittimata dal voto popolare.
Il regime di Nicolas Maduro è una dittatura. Abbiamo avvisato i nostri alleati internazionali dell’intenzione di chiudere il Parlamento nazionale attraverso l’arresto di massa dei deputati”.
Le atrocità di un dittatore sono immaginabili.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply