lunedì, 20 Gennaio, 2020

Intelligenza artificiale.
Il futuro? Una #chatbot

0

chatbot-artificial-intelligenceUna rivoluzione simile a quella introdotta con gli schermi touch sui telefonini. Sembra questo l’orizzonte che ci attende con le chatbot, la cui funzione principale è quella di cercare di simulare una conversazione intelligente con gli esseri umani.

Chi non conosce Siri, l’assistente di Apple capace di scovare la farmacia o il take away più vicino a casa?

In un futuro non lontano, per esempio, avremo indicazioni e servizi chiedendole parlando o chattando con il nostro assistente virtuale. Niente scampo per chi non ha un retroterra di educazione al cloud. Day by day al chatbot stanno aggiungendosi nuove funzioni.

#Telegram, l’applicazione che permette chat segrete, ha introdotto diverse opzioni che consentono delle interazioni peer to peer, quindi calibrate sul soggetto interagente. Il futuro dell’informazione passerà sempre più attraverso questi aiutanti virtuali, capaci di pensare come noi e per noi, filtrando e ragguagliando solo su quello che ci interessa, per davvero. Il tutto a scapito delle App, che dovranno adeguarsi e diventare meno impersonali. Molti i bug da colmare, però: perché le chatbot imparano da chi le utilizza e talvolta deformano la realtà, con risultati poco edificanti. Sono incapaci – per ora – di elaborare i nostri labirinti testuali, ma studieranno.

Si avvererà, prima o poi, la profezia narrata nel meraviglioso film “Her”, in cui un uomo vive in mezzo alla gente, desolatamente solo.

Il futuro è già qui.

Alessia Chinellato

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply