giovedì, 16 Luglio, 2020

Istat, commercio estero in frenata

0

commercio esteroL’Istat ha diffuso oggi i dati sul Commercio con l’estero dell’Italia. A marzo sono risultati sottotono, ma con segnali di ripresa a livello congiunturale. Il valore complessivo delle esportazioni ha segnato un meno 1,8 per cento rispetto allo stesso mese del 2017, mentre l’import è rimasto invariato. Ne è risultato un saldo da 4,531 miliardi di euro, in calo dai 5,306 miliardi dello stesso mese di un anno prima. In volumi l’export ha segnato un meno 3,5 per cento e l’import un meno 1 per cento.
La dinamica, però, risulta positiva nel confronto con il mese precedente: in questo caso le esportazioni hanno mostrato un aumento dell’1,2 per cento a marzo, mentre le importazioni un più 1,9 per cento.
Tra i vari raggruppamenti industriali, spicca il più 4,1 per cento di export dei beni strumentali, laddove sul fronte delle importazioni l’aumento più forte è stato il più 12,4 per cento (sempre tra febbraio e marzo) dell’energia. La variazione potrebbe riflettere anche gli aumenti dei prezzi sul petrolio.
Sempre secondo l’Istat l’Italia ha siglato il primo trimestre con avanzo negli scambi globali da 7,538 miliardi di euro, che al netto della voce energia diventa di quasi 17 miliardi. L’export risulta cresciuto del 3,3 per cento, rispetto allo stesso periodo del 2017, e l’import del 2,6 per cento.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply