venerdì, 20 Settembre, 2019

Jet russo non aveva violato spazio aereo turco

0

jet russo 2Nella controversia sul jet Su-24 russo abbattuto dalla Turchia, che ha portato alla più grave crisi diplomatica tra i due Paesi, la Russia mostra di aver ragione e lo fa in diretta Tv. L’apertura della scatola nera del jet russo abbattuto è infatti avvenuta davanti alle telecamere televisive e Mosca ha fatto subito sapere che gli esperti di Cina e Gran Bretagna hanno deciso di prendere parte all’indagine che analizzerà i dati di navigazione del Su-24M.

“Abbiamo prove sufficienti che il jet non ha violato lo spazio aereo turco”, ha assicurato il vicecomandante delle forze armate Sergei Dronov, spiegando che il SU-24 è stato abbattuto mentre volava nei cieli siriani a 5,5 chilometri dal confine turco.

“Per garantire la massima trasparenza e apertura, abbiamo rivolto a esperti stranieri di 14 Paesi l’invito a prendere parte al lavoro come osservatori. Molti hanno rifiutato per varie ragioni, mentre Liu Chang Wei dalla Cina e Jonathan Gillespie dal Regno Unito hanno accettato”, ha affermato Dronov, aggiungendo che “finora nessun lavoro è stato fatto con la scatola nera. È nella stessa condizione di quando è stata ritrovata sul luogo dello schianto”. Alle indagini prenderanno parte anche due americani il presidente e il vice presidente della società internazionale per le indagini dei disastri aerei, Del Gandio e Ron Schleed. Inoltre anche se è già stato dichiarato che il jet russo è stato abbattuto nei cieli siriani, tre degli otto microchip della scatola nera presentano rotture marcate con fessure e probabilmente non contengono dati registrati. In ogni caso Lunedì si avranno i risultati finali.

Liberato Ricciardi

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply