venerdì, 3 Aprile, 2020

Kosovo, dopo quattro mesi arriva intesa di governo

0

Alla fine è arrivato il tanto atteso accordo e il Parlamento di Pristina ha votato Albin Kurti nuovo Capo del Governo del Kosovo. L’intesa è giunta dopo quasi quattro mesi di trattative, iniziate subito dopo lo svolgimento delle elezioni anticipate dell’ ottobre scorso e a pochi giorni dalla scadenza del termine del mandato dato dal Presidente della Repubblica Hashim Thaci allo stesso Kurti per la formazione dell’ esecutivo. Sono due i principali partiti firmatari: la sinistra nazionalista di Kurti, vincitrice delle elezioni e la Lega democratica del Kosovo, di Isa Mustafa, di centro destra. Un accordo che di proietta anche sulla Presidenza del Parlamento e sulla futura Presidenza della Repubblica .

La prima sarà affidata a un esponente di centro destra mentre della seconda si parlerà alla scadenza del mandato di Thaci prevista tra un anno. Un accordo di governabilità per il Kosovo, che al di la’ delle dichiarazioni ufficiali e di facciata che rilevano l’importanza di dare avvio a una stagione di riforme, era atteso dall’Europa, per poter affrontare e risolvere il problema del pieno riconoscimento dell’ indipendenza del Paese. Il voto del Parlamento di Pristina è giunto a pochi giorni dalla visita di Joseph Borrell responsabile della politica estera Ue che aveva auspicato la nascita del nuovo esecutivo perché fondamentale per riprendere la strada del dialogo con la Serbia. A questo proposito però vi è da registrare la mezza delusione del mancato voto favorevole a Kurti della lista unità dei serbi in Kosovo. Un altro segnale non positivo e’ rappresentato dall’aumento dei Paesi che non riconoscono l’ indipendenza del Kosovo. In particolare, tra i cinque europei, la Spagna ha fatto sapere che non parteciperà al prossimo vertice per l’allargamento della Unione Europea ai Paesi dei Balcani occidentali non ancora aderenti se sarà presente anche il Kosovo. Questo atteggiamento sembra rispecchiare le difficoltà interne derivate dalla richiesta di indipendenza della Catalogna ma costituisce un modo politico che si dovrà cercare di sciogliere.

Il nuovo Governo del Kosovo giunge a un paio di mesi dalle elezioni politiche in Serbia dove è previsto un largo successo del Partito del progresso del Presidente Aleksander Vucic . Kurti e Vucic una volta liberi da preoccupazioni elettorali sono i due principali riferimenti politici su cui di fondono le speranze europee per la costruzione di un cammino di pace e di collaborazione tra due popoli e territori sconvolti negli ultimi anni da sanguinose violenze e sopraffazioni.

Alessandro Perelli

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply