sabato, 25 Gennaio, 2020

La magia del Natale nell’era dell’e-commerce

0

La magia del Natale nell’era dell’e-commerce è il tema di “Natale su Amazon”, che questa sera, alle ore 21:00, aprirà il cartellone degli spettacoli festivi dello Spazio Rossellini di Roma, in via della vasca navale.

Nell’era dell’e-commerce i giorni che precedono il Natale sono caratterizzati da un grande fermento. Già dal Black Friday ci sono consumatori in lotta per accaparrarsi il regalo più conveniente, le città sono invase da corrieri che consegnano pacchi a destra e manca, centinaia di regali vengono ordinati a colpi di click ogni minuto. A casa di Babbo Natale, invece, arrivano poche letterine… E cosa succederebbe se anche Babbo Natale aprisse un suo profilo social? In pochi giorni il buon vecchio Babbo riacquista subito grande popolarità e manda in crisi il mondo dell’e- commerce. Gli eventi si scatenano e tra renne ballerine, super eroi e piani per eliminare Babbo Natale, ciò che resta alla fine sarà il messaggio d’amore che da sempre il Natale rappresenta.

“Natale su Amazon”, presentato dalla Compagnia Matutateatro, è scritto, diretto e interpretato da Elena Alfonsi, Alessandro Balestrieri, Julia Borretti, Titta Ceccano, Andrea Zaccheo. Scene di Jessica Fabrizi, musiche originali di Alessandro Balestrieri e Francesco Altilio, assistente alla regia Luca Faustinella.

Domani sera, sabato 12, sempre alle 21.00, sul palco dello Spazio Rossellini salirà Fulminacci, nome d’arte del giovane cantautore romano Filippo Uttinacci, per una tappa del suo tour “Fulminacci – La vita veramente”, dal titolo del suo disco d’esordio grazie al quale ha vinto la Targa Tenco 2019 per l’Opera Prima, uno dei maggiori riconoscimenti della Canzone d’Autore Italiana. Fulminacci, il 26 giugno scorso ha anche ricevuto il premio “Giovani Mei – Exitwell”, portando a casa la nomina come miglior giovane indipendente dell’anno.
Fulminacci è un artista di rottura, spiazzante per la sua versatilità e per la sua brillantezza. Il suo primo album, uscito ad aprile, è stato acclamato fin da subito come uno degli esordi più importanti degli ultimi anni, dandogli il ruolo da protagonista del concerto del Primo Maggio 2019 a Roma e del Mi Ami Festival 2019 a Milano.

Il pomeriggio di domenica 15 dicembre, alle ore 16.30, andrà in scena “Lumen – Tra scienza e sogno”, il racconto di come l’uomo, nella storia, è riuscito a vincere le sue paure, a spiegare i fenomeni naturali grazie alla scienza e anche all’immaginazione. Lo spettacolo racconta il rapporto tra l’umanità e i misteri del cielo e delle stelle attraverso le peripezie e la vita privata di una famosa scienziata del Novecento: Marie Curie, un simbolo forte della lotta contro i pregiudizi e le discriminazioni sociali. La scienziata, unica nella storia ad aver vinto due premi Nobel, combatte per tutta la vita contro chi la considera solo una povera donna venuta da un paesino sperduto della Polonia fino in Francia per seguire i suoi sogni. Marie Curie rappresenta inoltre la forza del coraggio che porta a superare i propri limiti e a spingere le proprie forze oltre il limite di quello che si crede possibile. Lo spettacolo parla di quanto sia importante per l’uomo la curiosità; di come uno scienziato nel suo laboratorio non sia solo un tecnico ma anche un semplice ragazzo posto davanti ai fenomeni naturali come davanti ad una fiaba, e di quanto sia essenziale farsi delle domande, e cercare di darsi delle risposte anche apparentemente assurde.

“Lumen – Tra scienza e sogno”, di e con Annarita Colucci, aiuto regia Roberto Andolfi, disegno luci Martin Palma. Un progetto di Illoco Teatro e Teatro delle Semenze.

Venerdì 20 dicembre ore 21:00, arriva Clemente Maccaro, in arte Clementino, uno dei pilastri del rap italiano. A due anni dall’ultimo album, Clementino torna con un nuovo lavoro che rappresenta il disco della maturità e della svolta: “Tarantelle”. Dopo aver collaborato con la maggioranza dei nomi di rilievo della scena rap italiana, in questo disco ha deciso coinvolgere alcuni tra i migliori artisti: Fabri Fibra, Gemitaiz, la giovane promessa Nayt e il fuoriclasse Caparezza.

L’album, che nelle prime due settimane dall’uscita, ha totalizzato oltre 13 milioni di stream su Spotify, è caratterizzato dalla naturalezza nella scrittura e nella stesura delle rime sul beat, con un flow sempre diverso e sempre nuovo.

Clementino feat. The Smoke Band. Opening Act: Debbit. Ospiti: Junior Cally, Nayt più uno a sorpresa.

“Costruiamo il villaggio di Babbo Natale” è il tema del laboratorio per bambini che avrà luogo domenica 22 alle ore 11:00, con ingresso gratuito, In piedi su una pila di materiali di riciclo (cartoni, bottiglie, corrugati, cassette di plastica, giornali, fili di rame, colori e quant’altro), L’Aiutante di Babbo Natale chiederà ai bambini di aiutarlo a costruire il villaggio di Babbo Natale interamente realizzato con gli scarti delle vecchie civiltà dei consumi, dichiara la necessità di rimboccarsi le maniche e “recluta” i folletti – operai tra il pubblico, coinvolgendo sia adulti che bambini.

E non poteva mancare il classico dei classici di questo periodo, che concluderà il cartellone dello Spazio Rossellini: “A Christmas Carol”, che andrà in scena sabato 21 e domenica 22, alle ore 17:00. “Canto di Natale” è una delle opere più famose e popolari di Charles Dickens. Charles Dickens scrisse “Canto di Natale” col desiderio di coinvolgere grandi e bambini attraverso una favola, cercando di risvegliare sentimenti puri come l’amore e la tolleranza, il rispetto per gli altri e la capacità di apprezzare le piccole cose della vita.

“A Christmas Carol” ripercorre lo stile letterario di Dickens, un linguaggio immediatamente teatrale che mantiene sul pubblico una presa emotiva ininterrotta. Dopo otto anni di repliche e di successi, lo spettacolo è stato interrotto a causa della scomparsa dell’attore protagonista, Renato Campese, nel ruolo di Mr. Scrooge. A un anno dalla scomparsa del grande attore la compagnia Argot ha deciso di allestire una nuova versione introducendo una novità: il personaggio di Scrooge diventerà un burattino che verrà manovrato dai quattro storici interpreti dello spettacolo.

Argostudio, in collaborazione con Argot Produzioni, presenta “A Christmas Carol”, liberamente ispirato all’omonimo raccontao di Charles Dickens, traduzione e adattamento teatrale di Tiziano Panici e Alice Spisa, con Emanuele Avallone, Beatrice Fedi, Eugenio Di Vito e Daniele Spadaro. Regia di Tiziano Panici.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply