lunedì, 1 Giugno, 2020

La moda italiana che si riconverte per il coronavirus

0

La moda made in Italy, come altri settori dell’industria del nostro paese, scende in campo compatta nella battaglia contro la pandemia. La filiera del tessile-abbigliamento utilizza il proprio storico know-how e converte le linee di produzione: dall’abbigliamento tecnico per il ciclismo alle mascherine, dal confezionamento di abiti a quello di camici monouso che, in questi giorni, i medici di tutta Italia utilizzano negli ospedali.

Tra i primi che si è immediatamente attivato su questo fronte c’è Miroglio. Il noto gruppo tessile di Alba (Cuneo) ha risposto all’appello del presidente della Regione Piemonte e, dal momento in cui i prototipi sono stati giudicati idonei dall’unità di crisi di Torino, ha avviato la produzione di 600mila mascherine in due settimane.
Anche Artemisia, azienda tessile di Castel Goffredo, in provincia di Mantova, si è messa al lavoro senza aspettare la certificazione ufficiale dell’Istituto superiore di sanità. “All’inizio ero restio, perché sapevo di non poter produrre in tempi brevi un prodotto che potesse essere certificato come dispositivo medico. Ma poi l’Ospedale di Bergamo ci ha detto: qualsiasi cosa è meglio che usare le lenzuola tagliate. E allora abbiamo cominciato a produrre”. Così ha dichiarato a Il Sole 24 Ore Stefano Bottura, titolare dell’impresa, che abitualmente si occupa di abbigliamento intimo esternabile e tecnico. Al momento, sta producendo 10mila mascherine al giorno e sviluppando alcuni prototipi certificabili come Dpi.

Lo stesso ha fatto Santini, azienda di Bergamo specializzata nell’abbigliamento tecnico per il ciclismo, che ora realizza 4mila mascherine al giorno.
Mentre le imprese si attivano velocemente, Confindustria Moda ha lanciato un appello per la fornitura di tessuto non tessuto (Tnt), idrorepellente necessario alla produzione di mascherine, camici e calzari. Tra le realtà che si sono candidate figura anche la Sartoria Sociale del Museo Tessile di Chieri, nel torinese, che si dice pronta a confezionare mascherine e camici gratuitamente.

Andrea Malavolti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply