mercoledì, 20 Novembre, 2019

La parola alle “cose” al Festivalfilosofia 2012

0

Un concetto chiave della tradizione filosofica e una questione cruciale dell’esperienza contemporanea: e’ ‘cose’ il tema dell’edizione 2012 di Festivalfilosofia che si svolgera’ tra Modena, Carpi e Sassuolo, dal 14 al 16 settembre, in 40 luoghi diversi delle tre citta’, con Lezioni magistrali, mostre, spettacoli, letture, giochi per bambini e cene filosofiche. Gli appuntamenti sono quasi 200 e tutti gratuiti.

50 LEZIONI MAGISTRALI – Piazze, chiese e cortili ospitano le oltre 50 lezioni magistrali del festival, che vede quest’anno tra i protagonisti, tra gli altri, Enzo Bianchi, Massimo Cacciari, Roberta de Monticelli, Roberto Esposito, Maurizio Ferraris, Umberto Galimberti, Sergio Givone, Salvatore Natoli, Giovanni Reale, Stefano Rodota’, Salvatore Settis, Emanuele Severino, Carlo Sini e Remo Bodei, Presidente del Comitato scientifico del Consorzio. Il festival, che lo scorso anno ha registrato oltre 176mila presenze, e’ promosso dal ‘Consorzio per il festivalfilosofia’, i cui fondatori, ovvero i Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo, la Provincia di Modena, la Fondazione Collegio San Carlo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, sono i soci storici che hanno partecipato alla realizzazione del festival fin dalla prima edizione.

LA LEZIONE DEI CLASSICI – Il programma filosofico del festival propone anche la sezione ‘la lezione dei classici’: esperti eminenti commenteranno i testi che, nella storia del pensiero occidentale, hanno costituito modelli o svolte concettuali rilevanti per il tema delle cose, da Platone ad Aristotele, da Adam Smith a Hegel e Marx, fino alle elaborazioni novecentesche di Husserl, Heidegger, Benjamin e Arendt, con in piu’ un fuori pista comparativo sul pensiero confuciano.

20 GRANDI MOSTRE – Se le lezioni magistrali sono il cuore della manifestazione, un vasto programma creativo coinvolge narrazioni e le performance, la musica i libri, le iniziative per bambini e ragazzi. Oltre 20 le mostre proposte in occasione del festival: tra cui una grande retrospettiva italiana dedicata al fotografo americano Edward Weston, una personale di Andrea Chiesi, un’esposizione di figurine sul ‘fascino discreto degli oggetti’, una dedicata alla storia e al mito delle collezioni Panini. Accanto a pranzi e cene filosofici ideati dall’Accademico dei Lincei Tullio Gregory per i circa sessanta ristoranti ed enoteche delle tre citta’, nella notte di sabato 15 settembre e’ previsto il ‘Tiratardi’, con iniziative e aperture di gallerie e musei fino alle ore piccole.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply