lunedì, 22 Luglio, 2019

La Svezia riconoscerà
lo Stato di Palestina

1

socialdemocratico LöfvenIl premier socialdemocratico Stefan Löfven ha annunciato di voler riconoscere formalmente lo Stato di Palestina. Un primo passo, secondo Löfven  in grado di risolvere definitivamente il conflitto israelo-palestinese. “Una soluzione a due Stati presuppone un riconoscimento mutuo e la volontà di una coesistenza pacifica.” ha dichiarato l’ex sindacalista svedese che ha ottenuto il 44,9% alle ultime elezioni, “E’ per questo che la Svezia riconoscerà lo Stato di Palestina”.

L’annuncio è molto significativo perché s’inserisce in una fase del conflitto che vede i palestinesi intenti a ottenere dalle Nazioni Unite la fine dell’occupazione israeliana da novembre 2016 e Israele sempre più sotto pressione dall’opinione pubblica internazionale, da Washington e dall’Unione Europea. L’Europa e gli Stati Uniti hanno da tempo messo in guardia il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, del rischio d’isolamento internazionale, dopo che il governo ha dato il via libera alla costruzione di 2600 appartamenti per coloni alla periferia di Gerusalemme Est, una zona che non prevede la presenza di unità abitative per gli israeliani. Tale decisione governativa ha rappresentato, per UE e Washington, una violazione del diritto internazionale.

Se la decisione del primo ministro Löfven dovesse andare in porto la Svezia sarebbe il primo paese dell’Unione Europea a schierarsi così apertamente per la creazione dello Stato di Palestina. Gli Stati Uniti e il resto dell’Unione Europea hanno sempre dichiarato di preferire la via dei negoziati per la possibile nascita di uno Stato palestinese. Intanto il prossimo 13 ottobre anche nel Regno Unito se ne parlerà: il deputato laburista Grahame Morris chiederà di votare proprio il riconoscimento di quest’ultimo. Che sia, questo della Svezia, un riconoscimento “guida” per altri paesi?

Stefano Lanzano

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply