sabato, 26 Settembre, 2020

L’audio guida “Rovine” diventa multimediale

0

Il progetto multimediale, l’audio guida “Rovine” dello scrittore e poeta Gabriele Tinti, già resa disponibile online durante il lockdown a causa del Covid-19 e pensata per il Museo Nazionale Romano, da sabato scorso è a disposizione per la durata di un mese, grazie alla tecnologia QR, presso Palazzo Altemps e Palazzo Massimo di Roma, che ospitano i locali del Museo Nazionale Romano.

Questa tecnologia, che viene sperimentata per la prima volta al mondo, rende disponibile una sintesi delle migliori composizioni di Tinti e si rivolge ai visitatori di entrambi i musei che potranno accedere ai contenuti presenti su una piattaforma web tramite i codici QR presenti in corrispondenza delle opere.

Il progetto è reso possibile grazie al Museo Nazionale Romano e al contributo della Fondazione Cultura e Arte, ente strumentale della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale presieduta da Emmanuele Francesco Maria Emanuele, ed è realizzato in collaborazione con Treccani – Enciclopedia di scienze e lettere e Palazzo Naiadi, The Dedica Anthology.
Il format mobile offrirà al visitatore contributi poetici audio-video-testuali in lingua inglese e italiana in merito ai capolavori in oggetto. Gli attori che hanno collaborato sono Marton Csokas e Alessandro Haber. L’audio guida del “Pugile a riposo” riporta invece il video e l’audio della lettura dal vivo di Kevin Spacey.
L’iniziativa rientra nell’ambito del più ampio programma “Rovine” che raccoglie una serie di letture dal vivo di fronte alle opere e che ha visto coinvolti negli ultimi anni alcuni importanti attori, tra i quali Kevin Spacey, Joe Mantegna, Marton Csokas, Robert Davi, Burt Young, Vincent Piazza, Franco Nero, Enrico Lo Verso, Luigi lo Cascio e Alessandro Haber, e alcuni dei maggiori musei al mondo.
“Rovine” è stato insignito del Premio Montale fuori di casa 2018 per la poesia ed è stato recentemente scelto per celebrare il riallestimento delle collezioni del Getty Villa, per proseguire il dialogo iniziato con la mostra di artisti contemporanei “Plato in L.A.” in occasione della quale alcuni dei più celebrati artisti del panorama odierno hanno reinterpretato l’impatto di Platone sul mondo contemporaneo.

 

Redazione Avanti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply