giovedì, 28 Maggio, 2020

LE BASI DELLA SCUOLA

0

Il ruolo fondamentale della scuola viene rispolverato in queste ore, dopo anni di tagli insieme alla Sanità. Ieri il decreto firmato in Consiglio dei Ministri dalla Ministra Azzolina e il Presidente Conte.
“Il Dl Scuola accoglie molte nostre proposte in materia di didattica e gestione degli esami ma ha lasciato troppe lacune per quanto riguarda i precari. Sebbene ci sia un aumento delle assunzioni di 4500 unità sui posti lasciati vacanti dai pensionamenti di quota 100, non si danno le giuste risposte agli insegnanti precari che negli ultimi anni hanno garantito il regolare svolgimento dell’anno scolastico. Presenteremo le nostre proposte non appena il provvedimento arriverà in aula, a partire dalla richiesta delle riaperture delle graduatorie d’istituto”, questo il commento del segretario del Partito socialista, Enzo Maraio che chiede la stabilizzazione di numerosi posti di lavoro tra gli insegnanti.
Resta tuttavia il problema di base che tocca da vicino molte famiglie: il profondo Gap tra gli alunni che possiedono un pc personale o una buona connessione internet da quelli che ne sono esclusi, che dividono il proprio portatile con genitori a lavoro o fratelli e ancora quelli che non hanno nemmeno uno spazio dove poter seguire le lezioni. Da qui l’iniziativa del Partito socialista sulla scuola, dalle basi da quel ‘rimuovere gli ostacoli’ voluto da Nenni nella Costituzione.
“La proposta Socialista di dedicare un canale Rai alla formazione degli studenti che terranno la maturità è stata approvata dalla commissione 8^ al senato con voto una unanime. D’accordo anche il presidente della commissione vigilanza Rai. Che cosa aspetta il presidente della Rai a realizzarla? Perché la ministra Azzolina non la fa sua? Gli studenti vanno messi tutti sulla stessa linea. Significa che chi ha meno risorse e non può contare su lezioni private deve poter concorrere alla maturità senza penalizzazioni. Per questo abbiamo chiesto alla Rai di organizzarsi. Pensa di farlo?”, così il senatore socialista Riccardo Nencini su Facebook ricorda quale dovrebbe essere il ruolo dello Stato sull’istruzione. Inoltre abbiamo dei precedenti eccellenti su questa linea come “Non è mai troppo tardi” di Alberto Manzi.
Nel frattempo il Paese si appresta a passare alla cosiddetta Fase 2 dell’emergenza Coronavirus. Il che significa che molte attività potranno riaprire, anche se ci sarà sempre il divieto di assembramento per cui le scuole potrebbero restare chiuse, ancora.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply