lunedì, 1 Giugno, 2020

Le certificazioni dell’UE, frenano la produzione di mascherine

0

Ancora una volta facciamo i conti con un’Unione Europa che, nonostante il disastro COVID19, non riesce a derogare le sue assurde regole: in questo caso la sua certificazione perché le mascherine (almeno quelle chirurgiche) possano essere prodotte e commercializzate per la salute collettiva e in primis degli operatori sanitari, oltre che per tutti noi cittadini.

L’Italia, che di mascherine potrebbe produrne in grandi quantità, viste le innumerevoli aziende che si distinguono nell’abbigliamento – nonostante il triste primato che la vede primeggiare nel mondo per gli innumerevoli casi di COVID19 -, si trova ancora nelle condizioni di non garantire l’incolumità al personale sanitario e a tutti noi per la mancanza proprio di mascherine.
Milioni di mascherine che, ancora ad oggi, vengono centellinate un tot. alla volta, salvo poi distribuire quelle che sono simili ad un foglio di carta igienica, come le ha definite recentemente l’Assessore alla sanità lombarda Gallera.

Le mascherine sono anche un fatto emblematico che caratterizza un’Unione Europea che poggia dalla sua nascita sul fatto che dopo l’ultima guerra gli Stati membri non si sono più imbrattati di sangue, ma la guerra, seppur in altro modo, non è mai terminata come testimonierebbe se fosse vivo oggi von Clausewitz: è proseguita semplicemente con altri mezzi, politici ed economici. Da quando è scoppiata la pandemia COVID19, la guerra economica si è presentata in tutta la sua virulenza con una lotta che ha visto il Bel Paese soccombere ai banchieri/panzer tedeschi e francesi; proprio quest’ultimi, a proposito, sembrano avere ritrovato la loro grandeur, soprattutto dopo l’uscita dall’Unione Europea del Regno Unito.

Le mascherine sono la presa di coscienza di un Paese, il nostro, che non è capace, neanche nei momenti drammatici che sta vivendo con migliaia di morti, di alzare la voce e rendersi indipendente; nemmeno per la produzione autonoma e immediata di mascherine che avrebbero una funzione di prevenzione vitale per milioni di italiani.

 

Angelo Santoro

Condividi.

Riguardo l'Autore

Angelo Santoro

Leave A Reply