lunedì, 1 Giugno, 2020

Letture virtuali per la giornata mondiale della poesia

0

La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 e celebrata per la prima volta il 21 marzo seguente. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e delle comprensioni interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace.
Gianni Puglisi, Presidente emerito della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, ha spiegato: “La celebrazione della Giornata Mondiale della Poesia rappresenta l’incontro tra le diverse forme della creatività, affrontando le sfide che la comunicazione e la cultura attraversano in questi anni. Tra le diverse forme di espressione, infatti, ogni società umana guarda all’antichissimo statuto dell’arte poetica come ad un luogo fondante della memoria, base di tutte le altre forme della creatività letteraria ed artistica”.

La poesia è celebrazione di eventi, manifestazione individuale o collettiva di sentimenti, bisogni, speranze; è la più “superflua” delle forme culturali, eppure quella più necessaria per alimentare l’animo degli uomini. Anche in una realtà tecnocratica e digitale, la poesia è il lievito di tutto ciò che abbia un contenuto alto, nobile, critico, sdegnato, visionario.
La poesia è in grado di andare oltre i confini, le lingue e le differenze, portando con sé un ideale di bellezza che diventa globale. Attraverso l’universalità unificante del verso, si può veicolare un messaggio di pace, di scambio interculturale, di dialogo tra i popoli.
La vera poesia non ha padroni. Forse per questo ha più difficoltà a sussistere nella nostra società liquida e materialista. Eppure esisterà sempre, malgrado noi, in quanto espressione dell’umano essere.

Per la Giornata Mondiale di quest’anno, la Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, in collaborazione con il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Straniere dell’Università Roma Tre ed il Museo Nazionale dell’Alto Medio Evo, ha organizzato un evento culturale incentrato sulla poesia, presso la sala “Opus sectile” con la partecipazione di alcune poetesse impegnate nell’arte e nel sociale, che offrono al pubblico del Museo, agli studenti di Roma Tre ed agli studenti di alcune Scuole Associate Unesco un saggio delle proprie opere.
Fra queste  si segnalano  Fausta Squatriti, artista multimediale e letterata che già in passato ha aderito  a manifestazioni legate alla Giornata Mondiale della Poesia, Eiléan Ni Chuilleneanain, letterata e docente universitaria presso l’ Università Trinity College di Dublino,  Maria Josefa Flores Requejo, Docente di Filologia spagnola presso l’Università dell’Estremadura.

Purtroppo, l’appuntamento previsto alle ore 17.00, presso il Museo Nazionale dell’Alto Medioevo, in Viale Lincon 3, Roma, non avrà luogo per le misure adottate per contrastare il diffondersi dell’epidemia da Covid-19.

Oltre a questo importante evento, in tutta Italia ci sono sempre state diverse iniziative per celebrare questa giornata, purtroppo quest’anno tutte sospese.

Il CNDDU invita ogni studente a celebrare la giornata contraddistinguendo ogni proprio profilo social con versi di un poeta a scelta, che in qualche modo percepiscono più vicino al loro sentire.

In tale occasione, ricordiamo che quest’anno ricorrono i cinquant’anni dalla scomparsa di Giuseppe Ungaretti, il poeta del nostro Novecento che affascina ancora molto i giovani per lo sperimentalismo formale e la verità dei contenuti umani proposti.

La Giornata Mondiale della poesia coincide anche con l’anniversario della nascita della grande poetessa italiana, Alda Merini (Milano, 21 marzo 1931).
Tenuto conto dei divieti di assembramento in atto, quest’anno, in occasione della Giornata mondiale della poesia, gli appassionati di versi potranno sintonizzarsi alle ore 20.15 del 21 marzo con Radio3, per ascoltare da casa lo spettacolo “Fatalità della Rima” dove Fabrizio Gifuni, che ci accompagna da anni in un sorprendente viaggio nel multiforme corpo della lingua italiana, ripercorre i pensieri e le parole di uno dei più grandi poeti del ‘900 italiano, Giorgio Caproni facendoci entrare nelle sue segrete gallerie dell’anima. Fabrizio Gifuni è stato il primo a portare in teatro i versi di Caproni.
Quest’anno, un’altra interessante iniziativa dal titolo “Diario in coronovirus – con grani di scrittura”, che comprende la Giornata Mondiale della Poesia, è quella organizzata dalla Federazione Unitaria Italiani Scrittori (FUIS), con poesie e prose per ricordare il particolare momento storico che stiamo vivendo.
La FUIS, che è stata costretta ad interrompere la propria attività per l’epidemia in corso, ritiene di non dismettere i rapporti con i propri associati per le manifestazioni che aveva messo in programma.
La Giornata Mondiale Della Poesia, che si sarebbe svolta presso la Casa Dello Scrittore il 21 marzo, verrebbe ugualmente realizzata online.

Il 21 marzo, dalle ore 17.30 in poi sarà mandato via Facebook e/o sul sito della FUIS i contributi inviati dagli associati entro la mezzanotte del giorno 17 marzo 2020.

Salvatore Rondello

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply