venerdì, 23 Ottobre, 2020

L’Italia è una

2

Il risultato del referendum è lì, sotto gli occhi di tutti. Il Veneto è stato di una chiarezza cristallina, la Lombardia no, molto meno. Ha vinto Zaia, non ha vinto Maroni, comunque ha vinto la Lega. Al di là del rispetto delle procedure, essenziali – consultare gli enti locali, poi aprire un tavolo di trattativa col Governo – da domani il tema è il merito, il contenuto dell’autonomia. Se non si è chiari su questo, nessuno può escludere il rischio di una Catalogna italiana.

Il merito, dunque. La Costituzione vieta ogni intervento di natura fiscale. I due governatori continuano a parlare di una diversa ripartizione fiscale, naturalmente a vantaggio delle due regioni. La loro campagna referendaria si è fondata su questa illusione. Era un’illusione e un’illusione rimane. Se non si è chiari, ora, su questo punto, si da’ la stura a interpretazioni, a speranze che possono generare effetti pericolosi.

Siccome l’Italia è una, siccome la Carta prevede livelli differenziati di autonomia, le istituzioni chiariscano subito i confini dell’autonomia. Perché una cosa è l’autonomia consentita, che i socialisti sostengono e apprezzano, altro il sostegno a una pratica che non si sa dove porti.

Riccardo Nencini

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply