domenica, 21 Aprile, 2019

Luca Fantò
Segnali negativi di un nuovo Medioevo

0

I socialisti del Veneto esprimono la propria solidarietà al Segretario provinciale del PSI di Venezia, Luigi Giordani, aggredito verbalmente ieri da un uomo che si è orgogliosamente dichiarato fascista e ha inneggiato al fascismo.
Dichiarazione che un tempo l’uomo certamente non avrebbe avuto il coraggio di pronunciare ma che oggi, nel tempo in cui ogni principio di autorevolezza è messo in discussione, nel tempo dei “terrapiattisti” e dei “no-vax”, a cui, per convenienza elettorale, una parte della politica ha assecondato, qualcuno pensa di poter fare senza dover subire lo sdegno sociale che invece meriterebbe.
Un tempo in cui il Presidente del Parlamento europeo mostra attenzione per l’impegno nella realizzazione di bonifiche e infrastrutture efficienti ai tempi del fascismo.

Intanto a Vicenza, medaglia d’oro della Resistenza, compaiono svastiche dipinte sui muri, mentre nel centenario della fondazione dei “fasci di combattimento” si espongo striscioni commemorativi ed il Sindaco dichiara di poter prendere in considerazione la richiesta fatta da alcuni Consiglieri comunali di intitolare una strada ad Almirante, redattore capo de “La difesa della razza” e Capo gabinetto del Ministero della cultura popolare della Repubblica di Salò.

Intanto a Verona si prepara il “XIII Congresso mondiale delle famiglie”, in cui il sentire comune, coacervo di sentimenti nobili e primordiali istinti, viene sfruttato da quei conservatori che intendono consolidare il potere di pochi ed intendono i cittadini come popolo ignorante e da condurre.

Tutti segnali preoccupanti.

Segnali di un inaccettabile decadimento civile e culturale che una parte minoritaria della nostra società vorrebbe imporre alla maggioranza. Un decadimento che noi socialisti ostacoleremo con tutti i mezzi democratici a nostra disposizione.

Luca Fantò
Segretario regionale PSI del Veneto

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply