giovedì, 4 Giugno, 2020

Luca Fantò
Una proposta socialista

2

A maggio si voterà in diversi comuni del vicentino: Barbarano Mossano, Bolzano Vicentino, Castelgomberto, Chiampo, Enego, Marostica, Quinto Vicentino, Recoaro, Rossano Veneto e Vicenza.

Per il centrosinistra, il voto arriva dopo la disfatta elettorale del 4 marzo. Risultato elettorale che ha dimostrato lo scollamento esistente tra i partiti del centrosinistra (inteso come l’insieme dei partiti della sinistra riformista e cosiddetta radicale) e la cittadinanza. Scollamento determinato dalla percezione da parte della maggioranza degli italiani di non essere debitamente rappresentata da questa parte politica.

Quanto dimostrato dai diversi studi statistici che da mesi vengono riportati dai giornali, in Italia cresce sempre di più il divario tra chi ha molto e chi dispone di poco. Un divario che evidentemente, noi del centrosinistra non siamo stati in grado di colmare e forse, in alcuni casi, abbiamo anche ampliato.

Il compito sarebbe invece quello di ridurre tali distanze, creando una società in cui la ricchezza viene redistribuita concedendo a tutti pari opportunità in un contesto di reciproca solidarietà tra cittadini e tra Stato e cittadini.

E’ necessario che il centrosinistra dia un segnale di reale discontinuità, anche sui territori, ad esempio dando alla cittadinanza quella percezione di unità che sinora non siamo riusciti a dare e spesso ad avere.

Noi socialisti del vicentino proponiamo al PD e alle altre forze della sinistra, di presentare alle elezioni amministrative un unico simbolo, un’ unica lista, un programma unitario per ogni Comune.

In questa maniera, oltre a dimostrare una reale discontinuità con i metodi del passato, manderemmo un messaggio alla dirigenza nazionale dei diversi partiti.

La proposta è lanciata, ora attendiamo la risposta delle altre forze politiche.

Luca Fantò
Segretario provinciale PSI Vicenza

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply