giovedì, 21 Novembre, 2019

Luca Fantò
I socialisti e la scuola

0

Sabato 21 settembre a Roma, il Segretario nazionale del PSI, Enzo Maraio, ha incontrato le associazioni nazionali docenti, ADIDA, Mida, Conavincos, Comitato riapertura terza fascia. Diversi i punti affrontati.

La situazione degli insegnanti che lavorano nei centri di formazione professionale ai quali il riconoscimento del punteggio, per l’insegnamento nel terzo e quarto anno, non viene sempre riconosciuto a causa di una legislazione poco precisa e per cui necessiterebbe una circolare del Miur in grado di fare chiarezza;

la situazione dei vincitori di concorso 2016 senza cattedra, costretti a lavorare da precari su cattedre di fatto e che dovrebbero essere riconosciute come cattedre di diritto e quindi assegnati ai vincitori di concorso;

la necessità che vengano riaperte le graduatorie di III fascia;

il potenziamento del sistema di reclutamento e formazione e quindi la necessità una riforma universitaria che abiliti all’insegnamento e superi corsi abilitanti;
la diffusa contrarietà alla mobilità straordinaria;

la necessità di una riforma dei programmi della scuola primaria e dell’infanzia.

Tutti i presenti hanno convenuto inoltre sulla necessità di risolvere la frammentazione del personale docente e quindi la questione del precariato attraverso una massiccia campagna di assunzioni. Quella del precariato e la vera priorità da affrontare per restituire efficienza all’istruzione pubblica.

Al termine dell’incontro il Segretario nazionale del PSI ha proposto di convocare ciclicamente il tavolo “PSI-Associazioni scuola” e di richiedere un incontro col Ministro Fioramonti per riportare le problematiche e le proposte emerse con la rappresentanza di docenti delle Associazioni interessate.

Luca Fantò
Referente nazionale PSI scuola

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply