giovedì, 13 Agosto, 2020

Luca Fantò
Regionali, unire tutte le forze di centrosinistra

1

Quasi certamente voteremo per elezioni regionali nella seconda metà di settembre.
Noi socialisti del vicentino siamo consapevoli della forza elettorale dell’appena incoronato leader del centrodestra veneto, Luca Zaia. Una dura campagna elettorale aspetta il centrosinistra della nostra regione, una battaglia che dovrà vedere tutti i partiti del centrosinistra lavorare insieme per arrestare quella che sembra una cavalcata trionfale dell’attuale Presidente della Regione.
Il PSI affronterà le elezioni cercando di garantire ai cittadini del Veneto la presenza nel prossimo Consiglio regionale di eletti in grado di promuovere pari opportunità tra cittadini e battersi per i valori costituzionali dell’antifascismo.

Il “tanto peggio tanto meglio” che sembra voler caratterizzare la campagna elettorale di alcuni partiti non si confà alla nostra tradizione socialista e democratica. L’opposizione al centrodestra deve essere rafforzata, non distrutta per poter rinascere come un’improbabile fenice centrista.
Noi socialisti vicentini pensiamo che tutte le forze politiche del centrosinistra, nel rispetto delle loro peculiarità politiche e tattiche, debbano avere come principale obiettivo quello di proporsi come alternativa al candidato del centrodestra veneto.

Luca Fantò
Segr. Prov. PSI Vicenza

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

1 commento

  1. Avatar
    Paolo Bolognesi on

    Prima del voler mettere insieme tutte le forze di centrosinistra mi preoccuperei di sapere su cosa intende impegnarsi questo centrosinistra, posto che anche nel suo seno c’è chi auspica un “cambio di marcia”, e non è poca cosa – vedi l’articolo di tre giorni fa, sempre su queste pagine, dal titolo “da Gori a Calenda, tutti scontenti di questo Pd, tranne Conte” – e mi chiederei altresì quale spazio abbia oggi la politica di segno riformista all’interno del centrosinistra.

    A mio modesto avviso, il riformismo dovrebbe basare la sua politica su proposte concrete e realistiche, anziché concentrasi sull’accusa di fascismo, sovranismo, populismo, ecc…., rivolta sistematicamente agli avversari, come pare essere nelle abitudini o preferenze di una certa qual sinistra, col rischio che tutto ciò si trasformi in una sorta di ripetitivo “gridare al lupo”, che sembra peraltro trovare un calante seguito nel corpo elettorale.

    Paolo B. 25.06.2020

Leave A Reply