venerdì, 22 Novembre, 2019

Luca Fantò
Scuola, belle parole ora servono fatti concreti

0

Come si potrebbe non essere d’accordo con quanto sostenuto oggi dal Ministro Fioramonti in audizione presso le Commissioni cultura di Senato e Camera in seduta congiunta.
Innovazione ma senza slanci parossistici, con cautela, puntando innanzitutto sulla sicurezza, digitalizzazione intelligente. Sicurezza non solo nell’uso dei nuovi strumenti tecnologi ma anche degli edifici scolastici.
Fallimento del sistema di reclutamento dei docenti ed anche, viste le diverse migliaia di cattedre scoperte ad oggi in tutto il Paese, dell’attuale sistema di individuazione dei docenti per le supplenze.

Troppe cattedre di sostegno ancora scoperte.
Formazione, momento centrale per Dirigenti, docenti e personale amministrativo.
Nuovo sistema di reclutamento, più efficace.
Aumenti salariali affinchè non ci si debba vergognare di fronte all’Europa per come l’Italia tratta i suoi docenti e il personale amministrativo della scuola.
Belle parole quelle del Ministro.

Il PSI ha chiesto un incontro col Ministro Fioramonti, auspicando così di poter rappresentare le proprie battaglie a favore del precariato e della dignità dell’intero corpo docente.
Nei prossimi giorni il Governo depositerà in Parlamento la legge di bilancio e allora vedremo se, come accaduto con i precedenti Ministri, si sarà trattato solo di belle parole o di fatti concreti.
Per ora, da quanto è dato sapere, siamo ben lontani dai 3 miliardi promessi e necessari per realizzare parte cospicua di quanto necessario.

Luca Fantò
Referente nazionale PSI scuola

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply