domenica, 7 Marzo, 2021
Direttore Responsabile Mauro Del Bue

Manifatturiero, cala nella UE ma cresce in Italia

0

Manifattura-Europa-ItaliaNel panorama sconfortante di notizie cattive o pessime sull’andamento dell’economia, oggi c’è da registrare un dato positivo che riguarda il settore manifatturiero dell’Italia.

L’indice delle Piccole e medie imprese che operano nel settore manifatturiero dell’Eurozona è in calo, così come in Germania, mentre, e la notizia sta qui, cresce in Italia. L’indice, calcolato da Markit, arretra nell’area euro da 50,7 punti a 50,3 punti a settembre, il minimo da 14 mesi. In Italia supera la soglia dei 50 punti, che separa le fasi di espansione da quelle di contrazione dell’economia e passa da 49,5 a 50,7 punti. In Germania cala da 51,4 a 49,9 punti e in Francia sale da 46,9 a 48,8 punti.

Soltanto pochi giorni fa l’Istat segnalava il persistere della fase di debolezza ciclica dell’economia italiana, accompagnata al rallentamento dell’area euro. “Il deterioramento dei ritmi produttivi – affermava una nota dell’Istituto di statistica – riflette la carenza di domanda interna che colpisce soprattutto gli investimenti. Negli ultimi due mesi, la fiducia delle imprese italiane è arretrata sui valori di inizio anno, con perdite più marcate nei settori dei servizi. Tuttavia il deprezzamento del cambio dell’euro verso il dollaro porterebbe ad una ripresa delle esportazioni”. È qui potrebbe essere la differenza che ha portato a una ripresa perché negli ultimi tempi la discesa della moneta unica ha favorito le esportazioni che per l’Italia pesano in maniera determinante sull’output del manifatturiero.

Redazione Avanti!

 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply