venerdì, 3 Aprile, 2020

Elezioni. Maraio: “I socialisti tornano in tanti comuni”

1

Le elezioni del 26 maggio non sono state solo le europee. Si è votato in molti comuni, 3.654 per la precisione. Il centrosinistra in queste votazioni ha tuttavia ottenuto un risultato migliore rispetto quanto atteso dopo lo spoglio delle europee, e ha eletto molti sindaci anche in città e comuni dove aveva perso nettamente il voto per il Parlamento Europeo. Il Movimento 5 Stelle è andato invece molto male anche alle amministrative, perdendo l’amministrazione di Livorno e rimanendo escluso anche dai ballottaggi.
Quindi un voto a doppia valenza. Una nazionale su cui ha predominato in modo indiscusso Salvini e la sua Lega e una locale amministrativa dove il centrosinistra ha potuto contare sulla bravura dei propri amministratori e su un contatto più diretto con gli elettori.
Le città più importanti in cui si eleggeva il nuovo sindaco sono quattro capoluoghi di regione (Bari, Campobasso, Firenze, Perugia) e 29 capoluoghi di provincia, tra cui Pescara, Bergamo, Livorno, Ferrara, Pavia, Reggio Emilia e Modena. Il centrosinistra ha vinto al primo turno a Bari, Firenze, Bergamo, Lecce, Modena, Pesaro; il centrodestra ha vinto al primo turno invece a Perugia, Pavia, Pescara, Vibo Valentia e Urbino.

“L’ultima tornata elettorale per le amministrative – ha commentato il segretario dei Psi Enzo Maraio – ci consegna un quadro molto soddisfacente. I socialisti tornano in tante amministrazioni di città medio grandi, di piccoli comuni e anche capoluoghi di regione. Uno su tutti il risultato di Bari dove lista socialista “Avanti Decaro” consegue un buon 2,35% eleggendo in consiglio comunale un nostro rappresentante. Ma abbiamo incrementato anche la nostra pattuglia di sindaci in maniera sostanziale. Ora attendiamo l’esito dei ballottaggi per incrementare ulteriormente la nostra squadra di amministratori locali”.

“Le elezioni amministrative, insomma – ha aggiunto Maraio – ci consegnano un quadro totalmente diverso dall’esito delle elezioni europee. Il centrosinistra risulta vincente quando governa bene e coltiva la cultura di coalizione. Bisogna continuare su questa strada”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

1 commento

  1. Andrea Malavolti on

    Roma, Memoria sfregiata. “Non un atto vandalico ma una provocazione studiata”. Così il rabbino capo di Roma rav Riccardo Di Segni in un’intervista al Corriere in riferimento al vergognoso episodio avvenuto nel centro della Capitale all’alba di ieri: “qualcuno ha coperto con un lugubre adesivo una pietra d’inciampo”, sottolinea il quotidiano, spiegando che inizialmente la “Comunità ebraica avrebbe preferito che la notizia non venisse diffusa, perché in questo caso diventano pericolosi anche gli emulatori”. La scritta sull’adesivo recitava in tedesco “Gli assassini tornano sempre sul luogo del delitto”. E per il rav si tratta di un atto premeditato: “Mi preoccupa – afferma Di Segni – questo vento strano che soffia in giro e che bisogna assolutamente bloccare. Bisogna rafforzare la vigilanza, arginare in tutti i modi quest’ondata di odio che permette anche al razzismo più becero di manifestarsi”.

Leave A Reply