venerdì, 14 Agosto, 2020

Merito e qualità della pubblica istruzione

2

La strada imboccata dal governo per riformare la scuola pubblica produrrà ancora disastri, aumenterà il precariato e abbasserà il livello di tutto il sistema formativo ed educativo italiano. Aumentare il numero di ore per gli insegnanti senza aumentare i salari e creare classi numerose e difficilmente gestibili è un segno di miopia, che avrà come unico risultato quello di peggiorare ulteriormente le condizioni per docenti e studenti.

La scuola pubblica è un bene comune, e obiettivo primario per il centrosinistra deve essere una riforma fondata sul merito e sulla qualità dell’istruzione. È il metro con cui si misura la capacità di crescita, sociale, culturale ed economica, di una nazione. E l’Italia, annunciando il sostegno alla manifestazione unitaria dei sindacati del prossimo 24 novembre, non può permettersi di tagliare il proprio futuro.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply