martedì, 20 Ottobre, 2020

Referendum, non ci sono ragioni… per il “sì”

0

“A pochi giorni dal voto referendario abbiamo deciso di riproporre le nostre posizioni non a caso accolte da una platea di politici bipartisan”, così il senatore socialista Riccardo Nencini ha presentato il Comitato per il No al Senato, stamattina presso la Sala “Caduti di Nassirya”.
A presenziare il segretario del Psi Enzo Maraio, l’Onorevole Simone Baldelli, il senatore Andrea Cangini, l’Onorevole Bobo Giachetti, Fabrizio Cicchitto e Bobo Craxi.
“Il Partito democratico pur di fare il Governo con il Movimento Cinque Stelle ha consegnato il tema della riduzione dei parlamentari, non ci sono altre ragioni altrimenti per spiegare come mai il Pd ha votato per tre volte No e adesso vota sì”, dice l’ex parlamentare forzista Fabrizio Cicchitto.
“Questa non è una riforma, è solo una bandiera ideologica”, afferma il senatore Cangini che spiega: “Molti partiti hanno difficoltà a schierarsi perché faticano a distaccarsi dalla demagogia per timore di perdere consenso e quindi popolarità”. E conclude: “Una vittoria del No sarebbe la prova che la società è più matura di chi la rappresenta, un invito da parte della società civile a difendere quelle istituzioni che la politica rappresenta”.
“Si rischia il passaggio dal bicameralismo perfetto al bicameralismo perfettissimo”, avverte il deputato Baldelli sostenendo che “non c’è nemmeno compattezza tra gli stessi pentastellati nel votare Sì” e che “l’antipolitica non è la soluzione ai problemi”.
“È una formula matematica, non è una Riforma”, esordisce Roberto Giachetti. “C’è anche un problema di informazione – dice – siccome c’è la par condicio molti del M5S per il Sì non si presentano, portando così a non fare Tribuna Politica e confronto”.
“Si vuole modificare la Costituzione nata dalla Resistenza per una riforma inutile e dannosa”, avverte il segretario del Psi Enzo Maraio. “Non possiamo rispondere a questo clima di incertezza mettendo in difficoltà proprio quelle regioni che hanno bisogno di maggiore rappresentanza e rischiamo di portare il Paese nelle mani di un piccolo manipolo di persone”. E spiega: “Anche chi è per il sì si vergogna a presentarsi nei confronti e nei dibattiti”.
“Nessuna sinistra al mondo taglia la rappresentanza”, dice Bobo Craxi e avverte: “alla crisi della politica non si risponde con un gesto antipolitico che porta solo a confusione”.

Durante la conferenza stampa è stato presentato anche il documento ‘Riformisti per il NO’

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Scrivo al volo, penso con la mano sinistra, leggo da ogni angolazione, cerco connessioni

Leave A Reply