mercoledì, 20 Gennaio, 2021

LA PAROLA A CONTE

0

“Abbiamo convocato la conferenza per annunciare dimissioni di Teresa Bellanova, Elena Bonetti e Ivan Scalfarotto”. Lo annuncia Matteo Renzi, leader di Italia Viva, per il quale “la crisi è aperta da mesi, e non da noi”. “Abbiamo fatto nascere questo governo contro il senatore Salvini che chiedeva i pieni poteri. Non consentiremo a nessuno di avere i pieni poteri”, ha aggiunto.

“Noi – ha poi spiegato Renzi – non giochiamo con le istituzioni, la politica non è un reality show, non si fa con le veline ma affrontando i problemi nelle sedi politiche, nelle sedi istituzionali, in Parlamento. La Costituzione non è una storia su Instagram”.

 

Italia Viva, ha assicurato comunque Renzi, voterà a favore dello scostamento di Bilancio e del nuovo dl Ristori per le imprese colpite dalla crisi del Covid. “Non stiamo facendo niente di irresponsabile. Se c’è una crisi politica la si affronta nelle sedi istituzionali, non negli show in piazza”.  In questa fase, ha sottolineato Renzi, Iv ha la “massima fiducia” nel presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

 

 

“L’Italia ha bisogno di un governo autorevole e di una solida maggioranza. Non è tempo né di elezioni anticipate né di crisi al buio. Serve senso di responsabilità come suggerito dal Capo dello Stato. Spetta al Presidente del Consiglio indicare la strada per  una rinnovata coesione di tutta la maggioranza”. E’ quanto affermano in una nota il segretario del Psi, Enzo Maraio e il Senatore del Psi, Riccardo Nencini all’indomani dell’approvazione dal parte del Consiglio dei ministri del Recovery Plan con le ministre di Italia Viva che hanno però annunciato l’astensione sul testo. E sull’ipotesi di una rottura del gruppo Italia Viva-PSI al Senato Enzo Maraio e Riccardo Nencini hanno commentato in modo secco: “Ricostruzioni fantasiose fondate sul nulla”.

Le tensioni nella maggioranza sono al limite della rottura. Ci sarebbe stata infatti una discussione sul ricorso al Mes e una viva polemica di Iv sui fondi per la famiglia, quindi l’annuncio delle ministre Elena Bonetti e Teresa Bellanova. “Se è così, allora noi il piano non lo votiamo”. Sulla stessa posizione Matteo Renzi: “Se non ci sarà il Mes le ministre di Iv si asterranno”, annuncia l’ex premier in tv. E il piano passa infatti con l’astensione delle ministre Teresa Bellanova e Elena Bonetti. La conferenza stampa convocata da Renzi nel pomeriggio alla Camera potrebbe certificare l’addio di Iv al governo. “Decidiamo in mattinata e poi lo comunicheremo alla stampa”, annuncia il senatore.

 

Per il segretario del Psi Enzo Maraio “l’approvazione del RecoveryPlan è una buona notizia per l’Italia. Il programma Next Generation Eu rappresenta una opportunità imperdibile che il Paese ha per i prossimi anni: è uno dei più imponenti investimenti che siano mai stati fatti dall’Europa per l’ambiente, il turismo, le infrastrutture, la sburocratizzazione e digitalizzazione, l’economia, la scuola, la sanità ed il lavoro”. Così in una nota il segretario del Psi, Enzo Maraio, che sottolinea: “Ora il Governo e il Parlamento procedano spediti nell’approvazione del testo alle Camere, migliorandolo ulteriormente e facendo prevalere unità e coesione nell’interesse del Paese, delle famiglie in difficoltà e delle imprese in crisi. Bisogna concentrare le energie e lavorare sodo senza perdere altro tempo, perché peggio che non spendere quei fondi, c’è solo spenderli male”- ha concluso.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply