martedì, 24 Novembre, 2020

NUOVI SACRIFICI

0

L’emergenza Covid torna a farsi sentire con forza, tanto da spingere il governo a varare ulteriori misure per il contenimento del virus. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte è intervento oggi al Senato per illustrare i contenuti dei nuovi provvedimenti al fine di evitare di far ripiombare il paese in un blocco totale così come avvenuto in questa primavera. “L’evolversi della situazione epidemiologica – ha detto Conte – ha reso necessaria l’adozione di ulteriori misure di carattere restrittivo in presenza di una recrudescenza del virus in atto da alcune settimane. Vista l’urgenza non è stato possibile illustrare in anticipo il contenuto del provvedimento, ma ho annunciato ai presidenti delle Camere la mia intenzione di riferire in Parlamento”

 

“Non abbiamo mai abbassato la guardia in questi mesi”. L’Italia “è stato il primo Paese ad adottare misure rigorose fino al lockdown, il più prudente anche nelle riaperture”, ha sottolineato il premier. “Nonostante i tanti passi in avanti fatti non potevamo e non dovevamo considerarci un porto sicuro mentre a nostri confini il contagio si moltiplicava” – ha affermato – ”Siamo  consapevoli che chiediamo ancora volta sacrifici e rinunce ai cittadini”.

 

Conte ha spiegato che “i principi” sono “sempre gli stessi. Sono quelli che ci hanno consentito di affrontare e superare la prima ondata” del contagio, i principi di “adeguatezza e proporzionalità”. “La tutela delle salute è il presupposto del godimento di tutti gli altri diritti. L’esperienza di questi mesi” ci ha insegnato “che la tutela della salute consente anche la tutela del tessuto produttivo”. E “la correttezza” delle scelte operate fin qui “che rivendico come una disciplina, è confermata dai dati economici di quest’anno più confortanti delle attese. La nostra economia ha un’elevata resilienza. La contrazione del Pil è più contenuta rispetto ad altri partner europei”. Il premier si è detto “fiducioso che l’intera comunità nazionale sarà in grado di esprimere serietà, impegno e la forza d’animo necessari per affrontare e superare la difficile sfida” della seconda ondata.

 

“In questi ultimi giorni e in queste ultime ore ci sono alcune regioni che hanno promosso la procedura per adottare misure più restrittive – ha ricordato – Si è concluso l’iter della Lombardia ed è in corso quello della Campania e non possiamo escludere ulteriori aggiornamenti”. Poi la scuola. “Le attività scolastiche continueranno in presenza, non possiamo permetterci che uno degli assi portanti del Paese possa subire ulteriori compromissioni e sacrifici” ha sottolineato il premier. “Non possiamo lasciare i nostri ragazzi” senza la possibilità di relazioni interpersonali”, ha scandito il presidente del Consiglio.

“Per quanto riguarda la vita di relazione – ha aggiunto – il dpcm del 13 ottobre aveva già previsto alcune limitazioni” come “il divieto di feste al chiuso o all’aperto” a eccezione di quelle collegate a cerimonie civili o religiose. Conte ha inoltre ricordato la “forte raccomandazione” ad “evitare feste anche nelle abitazioni private”.

 

Il premier ha inoltre sottolineato che “bisogna sforzarci tutti a limitare il contagio, limitare gli spostamenti non necessari: se faremo questi sacrifici eviteremo interventi più gravosi, tanto più rigoroso sarà il rispetto delle prescrizioni tanto più sarà possibile contenere la seconda ondata con minor sacrificio per il Paese. Sono fiducioso che avremo la serenità e impegno necessari per superare” anche questa fase.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply