domenica, 21 Luglio, 2019

OroArezzo: kimono, Egitto e anni Sessanta ispirano gioielli da collezione

0

OroArezzo-gioielliGioielli che evocano l’Egitto o gli anni Sessanta, orecchini con tessuti recuperati dai kimono giapponesi e anche la collana “vivente” che si anima sul collo di chi la indossa. Queste le principali novità proposte e presentate da “OroArezzo” la mostra internazionale dell’oreficeria, argenteria e gioelleria, giunta alla sua 34esima edizione, e ospitata nella rinnovata struttura espositiva di “Arezzo Fiere e Congressi”. La manifestazione è iniziata il 13 aprile e oggi chiude i battenti dopo aver ospitato circa 475 aziende del campo.

LA COLLANA “VIVENTE” – L’insolito gioiello, esposto per la prima volta e realizzato da “Living Jewellery” e creato dalle aziende D’Orica e Torand in collaborazione con la svizzera “Solaronix”, è un mix di tecnologia e artigianato: attraverso un processo che emula quello della fotosintesi, la collana sembra essere “viva” in quanto crea un particolare collegamento tra i pezzi che la compongono e l’energia di chi la indossa.

LA STRAVAGANZA DEI GIOIELLI – A divenire l’ispirazione per i gioielli per i prossimi mesi sono l’Egitto e il Giappone: le persone “à la page” avranno al collo e alle dita gioielli che strizzano l’occhio alle collane dei faraoni o ai kimoni giapponesi. La moda ammiccherà anche agli anni Sessanta, con un pezzo che diventerà icona di questa tendenza: una collana con mini-televisori che ricordano i grandi personaggi di quegli anni.

LA MANIFESTAZIONE DI PRIMAVERA DI “OROAREZZO” – La mostra ogni anno con il suo appuntamento di primavera intende celebrare il gioiello e proporre ai suoi visitatori il meglio della produzione orafa italiana, rappresentata con tutti i suoi maggiori distretti, insieme ad alcune eccellenze internazionali.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply