domenica, 26 Maggio, 2019

Ventimiglia, ruspe e migranti sul fiume Roja

0

DSC07867Sono arrivate le ruspe, vigili del fuoco, forze dell’ordine ed i netturbini questa mattina sul greto del fiume Roja a Ventimiglia, per l’operazione di pulizia e allontanamento dei migranti accampati, portando via coperte, materassi e scatoloni, dalle piccole arcate del ponte ferroviario. Questo l’effetto dell’ordinanza firmata dal sindaco Enrico Ioculano: da un lato per salvaguardare l’incolumità dei migranti visto che il fiume è zona esondabile e dall’altro per far capire loro che sarebbe meglio se andassero al Campo Roja della Croce Rossa per essere meglio assistiti.

ruspaGià perché tra i 250 disperati che hanno trovato lì un rifugio temporaneo, all’addiaccio e tra l’immondizia, in attesa di riuscire a varcare il confine italo-francese ci sono tante donne e bambini ma i migranti hanno timore a recarsi al centro della CRI per paura di essere identificati e rimpatriati.

La Caritas di Ventimiglia nei primi 15 giorni di gennaio ha registrato oltre 600 migranti in transito: il 52% proviene dall’Eritrea e il 10% sono donne. Il 31% sono minori di 18 anni e 7 di questi hanno meno di 10 anni.

DSC07898La situazione a Ventimiglia non è affatto facile, con la città di confine che si conferma imbuto per i migranti, soprattutto dell’Africa Orientale, che vorrebbero transitare in Francia ma non è possibile. Negli ultimi giorni infatti è stata potenziata la presenza delle forze dell’ordine francesi alla stazione ferroviaria di Ventimiglia proprio per evitare che i migranti salgano sui treni diretti oltre confine.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply