mercoledì, 24 Febbraio, 2021
Direttore Responsabile Mauro Del Bue

Pensioni, nona salvaguardia. Indennità e disabilità, verifica dei diritti e domanda

0

QR-Code Inps
IL SERVIZIO PER LE PERSONE CON DISABILITA’
Il QR-Code dell’invalidità civile è un nuovo servizio dell’Inps che permette di attestare lo status di invalido direttamente dallo smartphone o dal tablet, senza bisogno del verbale sanitario. Grazie a questo strumento innovativo, le persone con disabilità possono accedere alle agevolazioni e ai benefici in modo più semplice e veloce.
Il QR-Code è un particolare codice a matrice in grado di memorizzare informazioni leggibili e interpretabili da dispositivi mobili. Garantisce informazioni sempre attendibili in quanto è associato all’interessato, e non a uno specifico verbale, ed è sempre aggiornato a seguito di verbali definitivi di prima istanza, aggravamento, revisione, verifica straordinaria e autotutela.
Per ottenere il codice basta collegarsi al servizio online “Generazione QR-Code invalidi civili per attestazione status”, sul portale dell’Istituto, accedendo con le proprie credenziali.
Il servizio genera automaticamente e in tempo reale il QR-Code, direttamente in formato pdf. Il codice può essere stampato, inviato, salvato sul computer o dispositivo mobile ed esibito quando è necessario per accedere alle prestazioni agevolate di cui possono fruire.
I gestori dei servizi, per controllare lo stato di invalidità civile, cecità civile, sordità, disabilità o handicap, possono leggere il codice tramite un qualsiasi lettore di QR-Code. Per la concessione di alcune particolari agevolazioni, che richiedano il giudizio sanitario e il grado di invalidità civile con l’eventuale percentuale, è possibile ottenere anche un esito più approfondito. In questo caso i gestori devono inquadrare il QR-Code, autenticarsi con le proprie credenziali e inserire il codice Otp, che il sistema in automatico genererà e invierà sul numero di cellulare dell’interessato.

 

Indennità onnicomprensiva
RICHIESTE DI RIESAME DELLE DOMANDE RESPINTE
Con la circolare Inps del 28 ottobre scorso, n. 125 sono state fornite dall’istituto di previdenza le istruzioni sull’indennità onnicomprensiva, pari a 1.000 euro, concessa a favore delle categorie di lavoratori indicate di seguito, le cui attività sono state colpite dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: stagionali, in somministrazione o a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali; dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali; intermittenti; autonomi occasionali; venditori a domicilio; dello spettacolo.
Gli esiti delle domande e le relative motivazioni – ha informato l’Ente assicuratore – sono consultabili tramite il servizio online “Indennità 600/1.000 euro”, alla voce “Esiti”.
Con un successivo messaggio del 15 gennaio c.m. n. 143 l’Inps ha impartito, alle proprie Agenzie territoriali, le istruzioni operative sulla gestione delle richieste di riesame delle domande respinte, per non aver superato i controlli sui requisiti, e fornito ulteriori precisazioni sugli indirizzi amministrativi per i riesami delle domande presentate dai lavoratori dello spettacolo.

 

Formazione delle liste degli avvocati domiciliari e/o sostituti di udienza
INPS: E’ PARTITA LA PROCEDURA PER LA SELEZIONE DI LEGALI
Nel sito dell’Istituto sono presenti gli Avvisi locali predisposti dalle Direzioni regionali, distinti per ciascun circondario di tribunale. Gli Avvisi sono stati inoltre pubblicati anche presso le sedi periferiche dell’Istituto interessate ed inviati ai Consigli degli ordini degli avvocati territorialmente competenti, che hanno provveduto all’affissione nelle rispettive sedi e/o la pubblicazione sui siti web dei medesimi. Le domande, redatte con un apposito form, possono essere presentate dagli interessati esclusivamente in via telematica, tramite il sito dell’Istituto, fino alle ore 14.00 del 5 febbraio 2021. A tale riguardo, è stato attivato uno specifico link sul sito istituzionale, al seguente percorso: “homepage” >”avvisi, bandi e fatturazione” > ”avvisi” > ”procedura per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti d’udienza” > ”invia la domanda ”.Non saranno prese in considerazione le domande che perverranno tramite posta e non saranno accettate quelle consegnate a mano presso le strutture decentrate dell’Istituto. La domanda dovrà essere inoltrata esclusivamente per la lista circondariale del Tribunale presso il cui Consiglio dell’Ordine degli Avvocati il richiedente è iscritto al momento della domanda. Nel form di compilazione della domanda l’interessato dovrà indicare la Pec. (Posta elettronica certificata) comunicata al Consiglio dell’Ordine presso cui è iscritto. Dopo la verifica amministrativa della regolarità e della completezza della domanda e dell’inesistenza di cause di incompatibilità e di situazioni di conflitto di interessi, una apposita Commissione procederà alla valutazione delle domande e dei curricula. Le Liste Circondariali, compilate nei limiti dei fabbisogni individuati, saranno successivamente pubblicate sul sito dell’Istituto. Con la formazione di queste ultime liste, non saranno più valide quelle formate a seguito dell’espletamento della precedente procedura selettiva. I professionisti già inseriti in quest’ultime liste, qualora interessati a partecipare all’attuale procedura, relativa al triennio 2021 –2023,e in possesso dei requisiti previsti dagli Avvisi locali, potranno trasmettere una nuova istanza con le modalità fin qui descritte.

 

Nona salvaguardia pensionistica
VERIFICA DIRITTO A PENSIONE E DOMANDA
La legge di Bilancio 2021, all’art. 1 commi da 346 a 348, reca disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (la cosiddetta nona salvaguardia).
In particolare, il comma 346 individua le categorie di lavoratori alle quali continuano ad applicarsi i requisiti di accesso e il regime delle decorrenze vigenti prima dell’entrata in vigore del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201. I successivi commi normano la presentazione delle domande di accesso al beneficio, le modalità di gestione delle operazioni di monitoraggio e le risorse stanziate. Con il messaggio del 18 gennaio scorso, n. 195, l’Inps fornisce agli interessati alla nona salvaguardia le istruzioni per la presentazione delle richieste di verifica del diritto a pensione e delle domande di pensione.

 

Opzione donna
PROROGA MATURAZIONE REQUISITI DELLA PENSIONE ANTICIPATA
La legge di bilancio 2021 estende la possibilità di accedere al trattamento pensionistico anticipato cosiddetto Opzione Donna, alle lavoratrici che abbiano perfezionato i requisiti previsti entro il 31 dicembre 2020.
Con il messaggio del 19 gennaio scorso, n. 217, l’Istituto ha comunicato, pertanto, che possono conseguire il trattamento pensionistico, secondo le regole di calcolo del sistema contributivo, le lavoratrici che entro il 31 dicembre 2020 abbiano maturato un’anzianità contributiva minima di 35 anni e un’età anagrafica minima di 58 anni, se lavoratrici dipendenti, e di 59 anni se lavoratrici autonome
Nello stesso messaggio sono precisate le decorrenze 2021 del trattamento pensionistico, nei casi delle lavoratrici dipendenti e autonome la cui pensione è liquidata a carico dell’Assicurazione Generale Obbligatoria e delle forme sostitutive della stessa, delle lavoratrici dipendenti la cui pensione è liquidata a carico delle forme esclusive dell’Ago e delle lavoratrici del comparto Scuola.

 

Carlo Pareto

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply