venerdì, 6 Dicembre, 2019

Pes: Approvato il programma per le europee. Nencini: «La nostra casa è il Pes e il candidato Schulz. Pd e Sel facciano la loro scelta»

2

Pes-Europa

Proposte concrete, approvazione del programma fondamentale del Partito socialista europeo (Pes), definizione degli obiettivi e delle strategie, e avvio alla fase preparatoria in vista delle prossime elezioni europee, previste per il 2014. Questi i temi discussi e le iniziative assunte durante il Consiglio generale del Pes – tenutosi sabato a Sofia – all’insegna del motto “Costruire un futuro più giusto per l’Europa”. Tra le proposte concrete vi sono state lo sviluppo di una politica industriale europea e un incisivo richiamo per il rapido avvio di “Youth Guarantiee”, il programma per l’occupazione giovanile. L’intervento di Martin Schulz, attuale presidente tedesco del Parlamento europeo, nonchè candidato del Partito socialista italiano al vertice della commissione europea, ha puntato sulla necessità di ricondurre la finanza alla sovranità della politica e della democrazia. Nel frattempo, il leader del Psi, Riccardo Nencini ha invitato Pd e Sel a indicare quale sia il loro candidato Ue e a scegliere quale sia la loro casa europea, mentre a Sofia in rappresentanza dell’Italia c’erano per il Psi Luca Cefisi, componente della Presidenza del Pes, insieme a Massimo D’Alema e Mercedes Bresso.

IL DOCUMENTO APPROVATO DAL PES – Il documento fondamentale del Pes, composto da 14 pagine, e approvato sabato, rappresenta il risultato di una consultazione aperta che raccolto i contributi dei partiti membri, degli attivisti, di esperti, di rappresentanti di Organizzazioni non governative (Ong) e di gruppi della società civile. Il documento – approvato per le prossime elezioni europee – contiene un forte richiamo ai valori comuni e condivisi dei socialisti europei, tra i quali la democrazia, la solidarietà e l’uguaglianza, e sarà portato avanti dal candidato comune del Pes, durante le elezioni del prossimo anno. Il termine per l’eventuale presentazione di altre candidature è stato fissato per il prossimo 30 ottobre.

NENCINI: PD E SEL DICANO QUALE CANDIDATO UE, NOI PSE E SCHULZ – «Le prossime elezioni europee possono costituire un nuovo inizio per l’Unione a condizione che venga stipulato un patto con i cittadini europei». Così il segretario nazionale del Psi, Riccardo Nencini che ha sottolineato che «a siglare quel patto a Sofia, dove si riunivano i vertici del Pse, eravamo gli unici italiani. Confido che l’estate porti consiglio a Pd, Sel e ai tanti laici riformisti Italiani». Secondo il leader socialista «avviare l’Europa al suo terzo tempo, quello di una maggiore unità politica, il tempo degli eurobond, dell’unità fiscale e bancaria deve essere – ha poi aggiunto – l’obiettivo della sinistra riformista. Dobbiamo dire ora quale sia la casa politica alla quale intendiamo aderire in Europa e dobbiamo dire ora qual è il nostro candidato al vertice della commissione europea. Noi abbiamo già deciso: Pse e Martin Schultz. Chiederemo alla sinistra riformista italiana – ha concluso Nencini – di fare altrettanto».

CRAXI: SOCIALISTI EUROPEI UNICA FORZA POLITICA OMOGENEA – «I socialisti in Europa sono l’unica forza politica omogenea nel continente e rappresentano milioni di cittadini europei» ha dichiarato Bobo Craxi, responsabile esteri Psi. «Il programma approvato ieri dal Pes – ha aggiunto Craxi – affronta con coerenza ed efficacia le questioni aperte della crisi economica con un profilo equo e solidale». Secondo l’esponente socialista, Martin Schulz, scelto come candidato al vertice della Commissione europea, rappresenta la figura europea più prestigiosa tra i socialisti europei».

Silvia Sequi 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply