martedì, 12 Novembre, 2019

Plastic Free, una battaglia globale che inizia dal “locale”

0

Un lavoro che ha impegnato il Partito socialista tutto insieme, dai giovanissimi dell’FGS al senatore Riccardo Nencini, lo scopo è salvare l’ambiente eliminando la plastica, ma per riuscirci davvero bisogna partire dalle piccole realtà locali.
Oggi alla Camera è stato presentato il disegno di Legge di Riccardo Nencini, senatore Psi e presidente del Cn socialista, su proposta dei Giovani socialisti per bandire la plastica dagli edifici della Pubblica Amministrazione.
Lo scopo, come ha dichiarato Riccardo Nencini durante la conferenza stampa, “è quello di anticipare la direttiva europea approvata il 27 marzo 2019 dal Parlamento europeo in cui si vieta la vendita e la produzione all’interno degli Stati membri di articoli in plastica monouso”. Un passo avanti ambientalista per la Pubblica Amministrazione italiana.
Un concetto ribadito anche dal segretario del Partito socialista italiano, Enzo Maraio, che ha spiegato come nel disegno di legge si legge già quale sarà la prospettiva voluta, ovvero “l’eliminazione totale dell’utilizzo di materiale plastico negli edifici della Pubblica amministrazione, introducendo il divieto dell’ingresso della plastica monouso in tutti gli edifici pubblici attraverso disposizioni apposite”. Soprattutto “in vista dell’estate, quando di solito aumenta proprio il consumo di plastica monouso”.
Il giovane segretario dell’Fgs, Enrico Maria Pedrelli, ha ricordato che quello della salvaguardia ambientale è per fortuna un sentimento europeo “ma che necessita di un impronta locale, non a caso abbiamo adottato una campagna che si chiama ‘il comune la patria più vera’, frase di Turati che richiama però l’importanza di partire dalle piccole realtà”, dalle amministrazioni locali “al servizio di questa battaglia ‘per fare presto, per fare prima’”.
Daniele Cocca, Fgs Ambiente, invece ha sottolineato che questa battaglia è importante perché non è mossa solo da una motivazione ambientale, ma potrebbe portare da quello che è un problema, l’inquinamento ambientale, a un’opportunità. “La bioeconomia vale il 10% del Pil italiano, ma è sottovalutata”.
A rappresentare le amministrazioni locali in cui numerosi sono i socialisti c’è Riccardo Mortandello, giovane sindaco di Montegrotto Terme, che ha sottolineato che la sensibilità diffusa verso l’ambiente è inutile se “alle parole non seguono i fatti concreti”. Precisando: “Le prime a dover dare esempio sulla tutela ambientale, non sono i cittadini, ma le istituzioni e non parlo di tagli ai costi e alle spese e altra propaganda inutile, ma di fatti importanti come questo”. E infine ha concluso: “All’inizio ci saranno delle difficoltà, ma è un approccio culturale importante che devono fare le amministrazioni culturali per dare forma a questa opportunità”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply